Bollette, la denuncia di Assoutenti: “Rischio speculazioni, Governo e Arera mettano dei paletti”

27 Marzo 2024
Lettura 1 min

In vista dell’addio al mercato tutelato dell’energia elettrica che terminerà il prossimo 1 luglio, Assoutenti chiede a governo e Arera un intervento per evitare speculazioni sulle bolle

tte del gas, per le quali il regime di tutela è già terminato lo scorso 10 gennaio, e di porre rimedio alla politica delle “doppie tariffe” (mercato libero e Stg) delle società vincitrici di gara, praticando quella meno cara per i propri clienti. “Come noto a partire da luglio tutti gli utenti non vulnerabili (oggi circa 5 milioni) che non avranno scelto un operatore sul mercato libero dell’elettricità passeranno al Servizio a Tutele Graduali, godendo di un risparmio sulla tariffa di maggior tutela di circa 131 euro annui a famiglia. – spiega il presidente onorario e responsabile energia di Assoutenti, Furio Truzzi – Un risparmio ottenuto grazie agli sconti garantiti dalle società fornitrici che hanno vinto le aste indette da Acquirente Unico, e che rappresentano il 70,49% del mercato”.

“Tali società, come ha dichiarato Enel per bocca del suo amministratore delegato Flavio Cattaneo (che con il 48% del mercato è la più importante di queste), potrebbero rifarsi dei minori guadagni nel comparto luce subissando i clienti che entreranno nelle tutele graduali con proposte di contratti di fornitura gas, scatenando una guerra commerciale a danno dei consumatori, visto che una recentissima indagine di Arera su oltre 2 milioni di scelte effettuate nel 2023, ha evidenziato che solo il 15% dei consumatori ha scelto un contratto più vantaggioso, mentre l’85% è andato incontro a tariffe uguali se non peggiori, complici appunto le strategie aggressive attuate dalle società fornitrici”.

“Governo e Arera devono fissare paletti precisi da qui al primo luglio per assicurare la possibilità di utilizzare il STG a tutti gli utenti e non solo a quelli della maggior tutela, scongiurare guerre commerciali nei due mercati luce e gas e proteggere i consumatori dagli assalti di politiche commerciali scorrette. Infine, non meno importante, definire che il cliente vulnerabile deve avere la miglior tariffa anche rispetto al Servizio a Tutele Graduali”, conclude Truzzi. 

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

Catalogna, Puigdemont rischia l’arresto al suo rientro. “Amnistia non basta, magistratura è politicizzata”

Prossimo Servizio

Schlein candida Decaro e Annunziata al Sud per le europee

Ultime notizie su Economia

Superbonus ahi ahi ahi. Ma chi lo votò?

“Il Superbonus , insieme al bonus facciate e, in misura minore, gli incentivi alle imprese Transizione 4.0 hanno inciso marcatamente sui conti pubblici degli ultimi anni lasciando anche una pesante eredità sul futuro”. A

730 “facile”? Con 152 pagine di istruzioni?

Nulla a che vedere con quanto accadeva qualche decennio fa, quando il “modello 730” fu definito addirittura “lunare”. Da più di qualche anno, fortunatamente, non è più così. Un lavoratore dipendente o

Draghi, fortissimamente Draghi

di Gigi Cabrino – È tornato a parlare del dossier sulla competitività che sta predisponendo per conto della commissione UE; e , come prevedibile, quando Mario Draghi parla e sue parole fanno
TornaSu