Saluti romani. Se la sinistra è davvero antifascista dimostri di essere federalista e autonomista

10 Gennaio 2024
Lettura 1 min

di Cuore Verde – La sinistra, negli ultimi trent’anni, ha osteggiato l’unica forza che, almeno inizialmente, proponeva una profonda riforma federale dello stato, ponendosi patriotticamente a difesa dell’unità’ nazionale. A forza di sventolare tricolori e cantare inni di Mameli, tuttavia, ci siamo ritrovati i “fratelli italiani” al governo, i veri detentori del “brand” patriottico italico.  La sinistra ora si lamenta dei “saluti romani” ma, secondo me, se fosse veramente “antifascista”, sarebbe conseguentemente anche federalista e autonomista e promuoverebbe l’insegnamento della storia e delle lingue locali nelle scuole.  Per contrastare la cosiddetta “italianizzazione” che fu appunto un progetto ideologico fascista che intendeva “sradicare” le lingue locali ( i “dialetti”) e creare il nuovo cittadino italiano diretto discendente dei legionari romani, cancellando secoli di storia locale ridotta a qualche anedotto e a banale “folklore”.

E questo vale anche per taluni autonomisti dalle idee un po’ confuse che, spesso, riducono tutta la battaglia politica ad questione economicistica di tasse e residuo fiscale. E’ invece principalmente  una questione culturale: bisogna agire sui programmi scolastici. Peraltro, lo studio della storia e delle lingue locali nelle scuole è un’operazione che si potrebbe fare praticamente a costo zero con eBook messi a disposizione dagli enti scolastici. Senza una coscienza della propria identità’ non ci puo’ essere alcun riscatto autonomista. E’ assurdo che un ragazzo ligure o veneto esca da un liceo e non sappia nulla della propria storia, lingua e cultura. Lo stato italiano, con i suoi programmi scolastici, ha operato una e vera propria “rimozione culturale”. La vera battaglia autonomista passa attraverso il cambiamento dei programmi scolastici.

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

Ex Ilva, situazione sempre più intricata. Nuova cassa integrazione e “Indotto su orlo del baratro, crediti insoluti e mancati ordini”

Prossimo Servizio

Sequestrati ad un cacciatore nell’alessandrino tre cani denutriti e conigli privi di cibo

Ultime notizie su Cultura

Ci sono Savoia e Savoia….

di Roberto Gremmo – Con tutto il rispetto per il defunto, non credo meriti particolare omaggio il discendente dei Savoia Carignano (ramo cadetto della dinastia). Quando morì Umberto secondo noi autonomisti piemontesi
TornaSu