Ex capo segreteria del sindaco Olbia su Twitter: “Sogno una dittatura della scuola, il regime marziale della cultura, la tirannia del buonsenso”

19 Agosto 2020
Lettura 1 min

di Riccardo Rocchesso – Un nostro lettore ci ha segnalato questo post, decisamente molto “distensivo”, sul profilo di Gian Mario Giua.

Già capo della segreteria del sindaco di Olbia (anche se su LinkedIn risulta ancora in attività), fino al 2016, poi, sostituito, come dice il sito del comune sardo da un altro Giua, Gian Mario lancia un macigno nello stagno.

Forse però ha ragione lui, che non sia proprio questo il futuro (o forse già il presente) che ci aspetta?

Utilizzando gli stessi termini utilizzati dall’ex segretario generale di Olbia, l’istituzione scolastica potrebbe “mai diventare” una piccola dittatura?
Con distanziamenti fisici, sociali, regole ferree, inasprimento delle regole di condotta e tanta, tanta freddezza?

Il regime marziale culturale, non è quello che forse già stiamo vivendo da anni? Solo a me sembra che diversi mass media e i loro giovani corollari come Instagram, Facebook e Tik Tok, ci stiano già spiegando come dobbiamo vivere, divertirci, morire ed abbiano il semplice scopo di portarci tutti in una stessa direzione?

Stiamo forse già vivendo nella tirannia del buon senso? Quel buon senso senza anima, di plastica, e di massa?

Se concordate con me allora, posso fare i complimenti, almeno sulla “visione” di Gian Mario Giua, il profeta di Olbia.

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

Associazione discoteche: pronti a ritirare ricorso solo se ci sarà un serio sostegno economico

Prossimo Servizio

Zingaretti rilancia appello di Papa Francesco: “Vaccino bene comune, non privilegio per pochi, grazie Santo Padre”

Ultime notizie su Cronaca

L’ipotesi del guasto nel down di Microsoft

A proposito del caos informatico che si sta verificando a livello globale – con utenti di Microsoft che non riescono ad accedere a diverse app e servizi, con effetti su trasporti banche e comunicazioni
TornaSu

Don't Miss