Associazione discoteche: pronti a ritirare ricorso solo se ci sarà un serio sostegno economico

19 Agosto 2020
Lettura 1 min


di Carlo Andreoli – La Silp Fipe, associazione italiana imprese di intrattenimento da ballo e di spettacolo, qualche giorno fa ha presentato ricorso al Tar in merito al provvedimento sulla chiusura delle discoteche. Gli esponenti dell’associazione sono disposti a ritare il ricorso, a condizione che vi sia un  serio sostegno economico a favore della categoria

Il governo, durante la formulazione del provvedimento amministrativo, si era espresso sostenendo che sarebbero bastati  100 milioni di euro per coprire le mancate entrate del settore. L’associazione però non era dello stesso avviso, sottolineando che occorressero 4 miliardi per coprire le perdite complessive. Infatti quei famosi 100 milioni servirebbero a coprire le perdite delle sole riaperture del 13 giugno, che rappresentano  un numero esiguo di discoteche, visto che la maggior parte dei locali notturni non riapre dal 23 Febbraio. 

Diversi esponenti del panorama politico, sostengono che la riapertura delle discoteche possa rappresentare una forma di tutela dalla situazione emergenziale vissuta, visto che la stragrande maggioranza di queste, tracciava tutti coloro che entravano, misurando febbre ed imponendo obbligo di mascherine (sicuramente difficile da far rispettare in locali di quel tipo). Ora i giovani dove si riverseranno? In rave illegali nei parchi? Nelle piazze? Nelle strade? 

Sicuramente non è semplice dare una risposta, ma è giusto porsi almeno qualche domanda elementare prima di stilare dei provvedimenti che potrebbero mettere in ginocchio un intero settore. 

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

Tragedia sfiorata. Deraglia un convoglio di Trenord, 4 carrozze ribaltate, solo 3 contusi

Prossimo Servizio

Ex capo segreteria del sindaco Olbia su Twitter: “Sogno una dittatura della scuola, il regime marziale della cultura, la tirannia del buonsenso”

Ultime notizie su Economia

Superbonus ahi ahi ahi. Ma chi lo votò?

“Il Superbonus , insieme al bonus facciate e, in misura minore, gli incentivi alle imprese Transizione 4.0 hanno inciso marcatamente sui conti pubblici degli ultimi anni lasciando anche una pesante eredità sul futuro”. A

730 “facile”? Con 152 pagine di istruzioni?

Nulla a che vedere con quanto accadeva qualche decennio fa, quando il “modello 730” fu definito addirittura “lunare”. Da più di qualche anno, fortunatamente, non è più così. Un lavoratore dipendente o

Draghi, fortissimamente Draghi

di Gigi Cabrino – È tornato a parlare del dossier sulla competitività che sta predisponendo per conto della commissione UE; e , come prevedibile, quando Mario Draghi parla e sue parole fanno
TornaSu

Don't Miss