Che confusione sulle mascherine a scuola

Lettura 1 min

di Beatrice Palai – Il tira e molla, le smentite ed i cambi di rotta sulle mascherine a scuola, si susseguono di continuo. Rocambolesche teorie sull’età, ed effettiva utilità, in cui i bambini dovrebbero indossare il famigerato pezzetto di stoffa normale o griffata (è già moda), prendono piede sempre più via via che il 14 settembre si avvicina.

Dopo aver detto tutto ed il contrario di tutto, ecco l’ultima esternazione dell’Oms: “La mascherina va indossata dai 12 anni in su”
https://www.ilpost.it/2020/08/23/mascherine-bambini-oms/amp/

Cito, inoltre, a testimonianza per i posteri di come le teorie delle “porte girevoli del pensiero” (sliding doors) si siano susseguite pubblicamente già nei mesi scorsi, una dichiarazione del’OMS risalente a Marzo 2020.

Del dpi in questione l’organo internazionale diceva:
“Non raccomandiamo l’uso esteso di mascherine, perché non associato ad alcun beneficio. Non lo critichiamo, ma non c’è nessun particolare beneficio che sia stato dimostrato”.

Lo aveva evidenziato Mike Ryan, a capo del Programma di emergenze sanitarie dell’Organizzazione mondiale della sanità (Oms), nel corso di una conferenza stampa a Ginevra”.

https://www.adnkronos.com/fatti/esteri/2020/03/30/coronavirus-oms-con-uso-esteso-mascherine-nessun-beneficio-dimostrato_3M3CK6tSLESRAprbOaJl0L.html

Quindi nessuna novità, il caos continua a regnare sovrano e nell’immaginario collettivo di genitori ed insegnanti, prendono corpo visioni di mascherine usate come fionde dai più piccoli, o strumento appicca falò nei lunghi pomeriggi autunnali di adolescenti annoiati.
Come direbbero in un cartone animato americano, to be continued.

Servizio Precedente

Firenze. Ristoratore si toglie la vita

Prossimo Servizio

Focolaio in stabilimento Aia nel trevigiano: 184 positivi. Turni ridotti, non si chiude