Aumentano i reati di violenza e sfruttamento sessuale su minori

Lettura 1 min

Il Centro Nazionale per il Contrasto della Pedopornografia Online, C.N.C.P.O., ha coordinato 5.515 complesse attività di indagine (+ 70% rispetto all’anno precedente) all’esito delle quali sono state eseguite oltre 1.400 perquisizioni (+ 87% rispetto all’anno precedente). Lo rivelano i dati diffusi dalla Polizia Postale e delle Comunicazioni. Nel corso del 2021 si è verificato, infatti, un significativo incremento dei casi di sfruttamento sessuale dei minori e di adescamento online: eseguiti 137 arresti (+98% circa rispetto al 2020) e denunciate 1400 persone (+17% rispetto al 2020). L’ incremento sale al +127% per le persone arrestate e del +295% rispetto ai casi trattati, se si fa un raffronto con i dati prepandemici del 2019. Per quanto attiene l’attività di prevenzione sono stati analizzati oltre 29.000 siti internet, 2.539 dei quali, riscontratone il carattere pedopornografico, sono stati oscurati mediante inserimento nella black list istituita ai sensi della L.38/2006. Nell’ambito dei reati contro la persona commessi attraverso la rete, significativo è l’aumento dei fenomeni di sextortion (+54% rispetto al 2020) e revenge porn (+78% rispetto al 2020) con oltre 500 casi trattati e 190 autori di reato deferiti all’autorità giudiziaria. Nel complesso per reati contro la persona commessi sul web, sono stati denunciati oltre 1.400 soggetti. 

Foto di Kaur Kristjan

Servizio Precedente

Zoo in Cile vaccina contro il Covid i propri animali

Prossimo Servizio

Ci risiamo. Unimpresa: quarantena Covid non equiparata a malattia nei lavoratori fragili

Ultime notizie su Cronaca