Populisti e sovranisti, il potere della demolizione

20 Luglio 2022
Lettura 1 min

“Populisti e sovranisti, Lega e M5S, hanno tolto la fiducia a Mario Draghi e precipitano l’Italia al voto anticipato. Salvini e Conte irresponsabilmente si sono incaricati di sfiduciare Mario Draghi, mettendo fine ad una leadership esercitata con rigore ed equilibrio, in Italia e in Europa nell’interesse degli italiani. Un GOVERNO europeista, atlantista, che ha sostenuto il diritto dell’Ucraina a difendersi dall’invasione di Putin, che questa sera troverà un motivo seppur illusorio di soddisfazione. Lega e M5S, insieme a Forza Italia, non a caso sono le forze storicamente più vicine al regime di Mosca. A pagare i costi saranno cittadini e imprese, increduli di fronte a questa scelta autolesionista per il paese”. Lo dichiarano la senatrice Emma Bonino, il segretario di +Europa Benedetto Della Vedova, e il presidente di +E Riccardo Magi. “Abbiamo sostenuto Draghi da subito, persino da prima che arrivasse, e oggi abbiamo votato con ancora maggiore convinzione la fiducia al suo GOVERNO. Quella ri-proposta oggi da Draghi è l’agenda utile e necessaria per il paese, non per i prossimi cinque mesi ma per i prossimi cinque anni. Per la realizzazione di questa agenda – concludono gli esponenti di +Europa – ci batteremo da qui in poi, insieme ad altri, a partire da Azione, alternativi ai sovranisti e ai populisti e ai partiti, come Forza Italia al PD, che li scelgono come alleati”. 

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

Il centrodestra nella tonnara. Caos Forza Italia, Gelmini lascia: “Silvio si fa dettare linea dal populismo di Matteo”

Prossimo Servizio

Europa – Piani per tagliare il 15% di consumi ma non tutti gli Stati ci stanno

Ultime notizie su Politica

Meloni apre i lavori del G7 in Puglia

Ha preso il via nel resort di Borgo Egnazia, in Puglia, il vertice G7 organizzato dall’Italia e guidato dalla premier Giorgia Meloni. I primi ad arrivare sono stati il ​​presidente della Commissione Ue, Ursula

Amnistia per gli indipendentisti catalani, ora è legge

Gli avvocati difensori di 36 dirigenti del partito della Sinistra repubblicana catalana (Erc) condannati o processati per reati collegati al processo indipendente in Catalogna hanno sollecitato oggi l’applicazione dell’amnistia. Secondo fonti giuridiche citate
TornaSu

Don't Miss