La Pontida della svolta nel nuovo spazio- Da Miglio a Vannacci. Da Salvadori a Le Pen

17 Settembre 2023
Lettura 1 min

Pontida 2023, due punti fermi.

Dal pensatore e professore delle macroregioni e dal primo seme delle autonomie, la Lega salviniana varca il confine dello spazio: da Gianfranco Miglio al generale Vannacci, da Bruno Salvadori e la sua idea di Europa dei popoli a Marine Le Pen.

Un applauso per il generale Roberto Vannacci è scattato da Pontida, dal palco dell’iniziativa organizzata dalla Lega giovani in corso nella Bergamasca. A citare il militare – che nelle settimane scorse ha destato polemiche per quanto scritto in un suo libro su gay, migranti e femministe – è stato il vicesegretario del partito, Andrea Crippa nel suo intervento dal palco. E ha aggiunto che Vannacci “ha espresso tante verità e ha avuto il coraggio di dire cose che molti pensano ma non dicono”. 

Infine…

 “Marine Le Pen rappresenta l’Europa che vogliamo, l’Europa delle libertà, delle identità, dei popoli, delle nazioni e delle tradizioni”. Lo ha detto il segretario della Lega Matteo Salvini, intervenendo all’assemblea dei giovani del partito al raduno di Pontida . 

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

Avanza la dittatura sul linguaggio

Prossimo Servizio

Nostalgia di una Pontida di giugno bella, libera e padana

Ultime notizie su Politica

La paura del complotto. Lo spread e il governo

Un ‘colpo’ sul fronte esterno, contro la Germania, uno su quello interno, contro i “soliti noti” che vorrebbero un governo tecnico alla guida del Paese. Da Malta, dove ha partecipato al summit Med9,
TornaSu

Don't Miss