I nodi al pettine del Mes. E l’incoerenza sovrana

14 Dicembre 2023
Lettura 1 min

di Gigi Cabrino – Mes o non Mes ( ormai la battaglia è diventata ideologica) il punto è la drammatica realtà di un cosiddetto centrodestra “sovranista” che non sembra capire il mondo.
Non esiste più crisi di un certo livello, finanziaria, sanitaria, politica e chi più ne ha più ne metta, che possa essere affrontata dal singolo paese.
Lo abbiamo visto con la pandemia, lo stiamo vedendo con gli effetti della guerra russo ucraina. Sarà così anche nel caso di una crisi finanziaria, anzi lo è stato. I crack di Lehman Brothers e dei subprime non sono stati confinati a Wall Street ma le conseguenze le abbiamo viste propagarsi per il mondo in maniera estremamente veloce.


Questo in linea generale dovrebbe essere l’assunto per discutere di Mes (con tutti i problemi che comunque comporta) ma non risulta che una simile valutazione sia stata fatta dagli esponenti del cosiddetto centrodestra che prima firmano col sangue la non ratifica poi garantiscono che assolutamente non verrà ratificato. In mezzo le posizioni più prudenti di Forza Italia che senza Berlusconi è un altro partito.
Alla fine sappiamo che, magari a ferragosto quando si pensa ad altro, il Mes verrà ratificato nelle sue modifiche.
Occorre ricordare, però, che il Mes nasce come strumento voluto dagli stati europei per difendersi da attacchi finanziari sui debiti sovrani e fu negoziato con gli altri partner nel 2011 dal governo Berlusconi ( ministro dell’ economia Tremonti oggi fratello d’Italia) e ratificato nella prima versione nel 2012 dal governo Monti sostenuto da mezzo centrodestra.


La riforma di cui si parla in questi mesi è relativa ai negoziati sul Mes rafforzato condotti e conclusi coi paesi UE dal governo Conte 1 sostenuto dalla Salvini Premier con Salvini vicepresidente del consiglio e ministro dell’Interno.


È questa modifica al Mes che il parlamento è chiamato a ratificare, e tra i più ferrei oppositori abbiamo il vicepresidente del consiglio e ministro dei Trasporti che la ha negoziata e ottenuta da ministro di un altro governo.

Tutto normale, no?

In ogni caso si possono avere tutti i dubbi possibili sul Mes ma sarebbe il caso di avere una vaga idea di come affrontare crisi un po’ più grandi delle forze finanziarie di un paese con un debito stimato in oltre 2800 miliardi (duemilaottocentomiliardi, non è un errore di battitura) pari al 140%(centoquaranta per cento, nemmeno questo è un errore di battitura) della ricchezza prodotta.
Ma possiamo stare tranquilli.

Gigi Cabrino nato a Casale Monferrato (AL) nel 1977, laureato in economia aziendale, in Teologia e specializzato in servizi socio sanitari, padre di quattro figli. Consigliere comunale a Villanova Monferrato per due mandati a cavallo del secolo scorso e a San Giorgio Monferrato dal 2019. Lavoro nella scuola pubblica da alcuni anni come insegnante prima e tra il personale non docente poi. Atleta di fondo e mezzofondo da sempre.

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

Dossier Fnopi-Università Genova: 6 infermieri su 10 pronti a lasciare ospedale per “insoddisfazione lavorativa”

Prossimo Servizio

Pil zero a dicembre. Confcommercio: famiglie costrette a consumare meno in ultimo semestre

Ultime notizie su Opinioni

Ma davvero volete tassare pure le suore indiane?

di Stefania Piazzo – La nota che tre parlamentari di Italia Viva ci hanno inviato (onorevoli Gadda, Boschi e Fregolent) e che abbiamo pubblicato, fa accapponare la pelle. (qui la notizia: https://www.lanuovapadania.it/politica/legge-di-bilancio-arriva-la-tassa-sui-religiosi-extraeuropei-gadda-emendamenti-italia-viva-contro-contributi-quintuplicati-per-la-salute/)
TornaSu