Quando Giuseppe Leoni parlava di due Leghe: A Varese un candidato sindaco della Lega (vera) contro i traditori andati con la Salvini Premier

Lettura 1 min

Nella città giardino “un candidato sindaco della Lega contro i traditori che sono andati con Salvini”. Due leghe, dunque? Una, la prima, la Lega Nord, mentre quella apocrifa è la Salvini Premier? Lo aveva dichiarato a Repubblica Giuseppe Leoni, fondatore della prima Lega e primo deputato del Carroccio nel 1987. Era l’agosto scorso. E l’ex dirigente della Lega che fu anche presidente dell’Editoriale Nord che editava il quotidiano La Padania, aveva mandato messaggi a Giorgetti e Calderoli, “che hanno portato avanti il progetto di Umberto Bossi”, ma ora sono appiattiti sul nuovo corso.

Oggi come la pensa Leoni?

Poi un monito, “più del 50 per cento dei militanti non entreranno nel nuovo partito”.  

Salvini “Ha cambiato, stravolto le cose e moltissimi leghisti non sono interessati a quella roba lì… Salvini ha soffocato lo spirito autonomista e ha un concetto federale – fascista dello Stato”, definendo “traditori” chi è nella Salvini Premier.

L’intervista rilasciata a La Repubblica poi si chiudeva con il doppio botto. “Chiudere i porti non è fare politica. E intanto assistiamo a un travaso di voti nel partito della Meloni”.

Ad oggi Leoni la pensa ancora così?

Foto tratta dalla pagina Facebook di Giuseppe Leoni

Servizio Precedente

Vento... vento portami via con te. Foxtrot da Lugo a Pavarotti il

Prossimo Servizio

VIDEO - Sgarbi ad Asiago per fare sci di fondo

Ultime notizie su Lombardia