Sud, un altro aiutino: taglio del 30% del costo dei contributi

16 Settembre 2020
Lettura 1 min

Il governo investe. Al Sud. ‘Nell’ennesimo tentativo di generare occupazione arriva un taglio del 30% del costo dei contributi. ‘Dedichiamo al tema dello sviluppo del Mezzogiorno una cura particolare. Abbiamo già varato la fiscalità di vantaggio, una misura senza precedenti, 30% di riduzione del costo dei contributi per le aziende, perché ci siano più occupazione e sviluppo”. Lo ha detto il ministro dell’economia Roberto Gualtieri ad Altamura durante la visita all’azienda Oropan. ”Vogliamo rendere questa misura permanente – ha aggiunto -. Con il Recovery Fund possiamo dare un orizzonte decennale con un programma specifico che si chiama React Ue e poi vogliamo che questa misura sia accompagnata da investimenti senza precedenti in infrastrutture materiali, immateriali e sociali nel Mezzogiorno. L’importante è avere interlocutori locali seri con lo sguardo all’Europa e al futuro e non al passato”.

Per lo sviluppo, ”la quota di investimenti per il Mezzogiorno – ha detto ancora Gualtieri – dovrà essere più alta della percentuale normale legata alla distribuzione demografica. E’ un fatto evidente, perché abbiamo una sotto-dotazione di infrastrutture di tutti i tipi e la dobbiamo riportare a un livello di media nazionale e media europea. Altrimenti anche una misura importante come la fiscalità di vantaggio, necessaria a un beneficio temporale, non innesca una crescita strutturale”.

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

VIDEO / Secchiata d’acqua a Di Maio mentre si fa un selfie. Ecco l’accoglienza campana al ministro degli esteri

Prossimo Servizio

Adamello, recuperati resti caduto della Grande Guerra: è un austro-ungarico

Ultime notizie su Economia

Openpolis, il Pil delle regioni italiane

L’ultimo interessante report della Fondazione Openpolis esamina il Pil delle regioni in Europa. In particolare, nell’evidenziare le differenze regionali italiane, si legge: “In Italia, tutte le prime regioni e province per produzione
TornaSu