Iniziata la flessione degli investimenti in edilizia

13 Maggio 2023
Lettura 1 min

 Il monitoraggio mensile dell’Enea, per la prima volta, registra una frenata delle asseverazioni e degli investimenti legati al Superbonus 110%. Le ultime rilevazioni, aggiornate al 30 aprile scorso, attestano un incremento rispetto al mese di marzo, dello 0,9%. Il dato più basso da diversi mesi a questa parte (era stato del +4,9% al 31 marzo e del +3,4% al 28 febbraio). “È evidente – commenta il presidente nazionale di Federcepicostruzioni, Antonio Lombardi – che inizia il calo degli investimenti, che porterà di qui a poco all’azzeramento totale. Le conseguenze per l’economia e per l’occupazione saranno molto pesanti. Ogni miliardo investito sul Superbonus, ha creato 15.132 posti di lavoro. 8.018 nel settore dell’edilizia, 3.641 nell’indotto diretto dei fornitori, 3.473 nell’indotto indiretto. Si tratta di professionalità che difficilmente le aziende avranno necessità di mantenere e che pertanto verranno espulse dal ciclo produttivo: eppure l’Italia ha da rispettare, con l’Unione europea, impegni precisi che si muovono proprio nella direzione della riqualificazione energetica degli edifici, del contenimento del consumo, dell’adeguamento e messa in sicurezza di immobili vetusti ed energivori”.

Il Parlamento europeo con la direttiva sulle “case green”, impone agli Stati membri interventi finalizzati a raggiungere l’obiettivo delle emissioni zero degli edifici entro il 2050, con step intermedi particolarmente impattanti ed onerosi per l’Italia. Entro il 2030 infatti (2027 per gli edifici pubblici) tutti gli edifici dovevano essere portati in classe energetica E, che diventerà D entro il 2033. Vale a dire che oggi il 61% degli immobili (7.622.524) è oltre le classi energetiche minime di tolleranza indicate dall’Europa e necessita di interventi urgenti di riqualificazione, sul modello di quelli del Superbonus, cancellati dal Governo. “Occorre concordare, anche in sede europea, politiche di sostegno per questa tipologia di interventi – conclude Lombardi – per incentivare e sostenere la transizione ecologica e raggiungere gli obiettivi secondo il cronoprogramma europeo. Obiettivo oggi che non può non conciliarsi con interventi di adeguamento sismico. Non è immaginabile prescindere da concreti e tempestivi investimenti pubblici, ma anche da misure di incentivazione fiscale per smobilitare e attivare capitali privati”.

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

Governabilità azzoppata dalla discordia

Prossimo Servizio

Calenda, non credo che Zelensky voglia incontrare Salvini

Ultime notizie su Economia

Superbonus ahi ahi ahi. Ma chi lo votò?

“Il Superbonus , insieme al bonus facciate e, in misura minore, gli incentivi alle imprese Transizione 4.0 hanno inciso marcatamente sui conti pubblici degli ultimi anni lasciando anche una pesante eredità sul futuro”. A

730 “facile”? Con 152 pagine di istruzioni?

Nulla a che vedere con quanto accadeva qualche decennio fa, quando il “modello 730” fu definito addirittura “lunare”. Da più di qualche anno, fortunatamente, non è più così. Un lavoratore dipendente o

Draghi, fortissimamente Draghi

di Gigi Cabrino – È tornato a parlare del dossier sulla competitività che sta predisponendo per conto della commissione UE; e , come prevedibile, quando Mario Draghi parla e sue parole fanno
TornaSu