Forse l’hanno capita. Bce: Niente rialzo dei tassi. Europa verso una recessione profonda

24 Novembre 2022
Lettura 1 min

Con l’inflazione che cresce e nel pieno della guerra del gas, dove l’Europa gioca a battaglia navale tra stati, la Bce frena sull’annunciato rialzo dei tassi.

Con una recessione “accettabile”, la Banca centrale “dovrebbe continuare a normalizzare la politica monetaria” con tassi alti, ma “potrebbe decidere una pausa se vi fosse una recessione profonda e prolungata“.

La questione è presto detta: “E’ prevista una crescita bassa dell’ecconomia e un tasso di inflazione alto anche se, dalla metà del prossimo anno, quest’ultimo dovrebbe iniziare a diminuire: in questo momento siamo vicini al suo picco, spiega bene l’Ansa commentando la valutazione della Bce.

Le previsioni della Bce e dell’Ue vanno nella stessa direzione, verso una crescita bassa dell’economia dell’Europa e un’inflazione alta“. Lo afferma il vicepresidente della Bce Luis Guindos nel corso dell’analisi Forum di Milano. “La situazione delle banche è buona – spiega – migliore di qualche anno fa” mentre “la maggior preoccupazione è per le imprese non bancarie e le famiglie a basso reddito”. In questo quadro “le politiche fiscali sono importanti e debbono essere attente, selettive e improntate alla crescita”.

“L’inflazione incomincerà a diminuire nella prima metà dell’anno prossimo”. Afferma il vicepresidente della Bce Luis de Guindos all’Analysis Forum di Milano” “Forse siamo molto vicini al picco – spiega – dipende da tanti fattori, tra cui l’andamento dei tassi, su cui è molto difficile prendere una decisione”.

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

Confcommercio, manovra così così. Cuneo fiscale ancora debole, sostegno ai minimi sindacali alle imprese

Prossimo Servizio

Femminicidio, oggi la giornata internazionale contro la violenza sulle donne. Rendeteci libere di parlare e raccontare

Ultime notizie su Economia

Verso la riforma fiscale. Sanzioni dal 240 al 120%

Sanzioni dimezzate, dall’attuale 240% al 120%; introduzione del principio di proporzionalità rispetto al tipo di omissione o illecito commesso dal contribuente, con l’introduzione di un parametro di riferimento fissato al 70%. Arriva
TornaSu

Don't Miss