Confcommercio, manovra così così. Cuneo fiscale ancora debole, sostegno ai minimi sindacali alle imprese

Lettura 2 min

di Gigi Cabrino – I commercianti di Confcommercio analizzano la bozza della manovra finanziaria per il 2023, non nascondono l’apprezzamento per alcuni elementi ma su altri c’è la necessità di rivedere alcuni punti.
“Giusta la concentrazione delle risorse sul versante del contrasto del caro energia, in particolare attraverso il potenziamento dei crediti d’imposta finalizzati a mitigarne l’impatto sulle imprese. Positiva la conferma del gasolio commerciale, indispensabile per la competitività dell’autotrasporto nazionale. Da rivedere, invece, la riduzione delle agevolazioni per le accise sui carburanti. Bene l’alleggerimento del prelievo fiscale sul lavoro autonomo. Ma occorrerà fare di più per la riduzione del cuneo fiscale e contributivo sul costo del lavoro, tenendo conto, in particolare, della maggiore onerosità dei nuovi ammortizzatori sociali per le imprese del terziario di mercato”.

Così Confcommercio dopo una prima lettura del testo.
“Bene anche – continuano gli imprenditori della confederazione del commercio – l’impulso fiscale ai premi di produttività, ma la stessa linea d’intervento andrà messa in campo per una più generale detassazione degli aumenti contrattuali e per il welfare aziendale. Andranno, inoltre, rafforzate le misure di sostegno agli investimenti delle imprese, a partire da quelli funzionali ai processi di transizione digitale ed ambientale, e le misure di settore per il turismo e la cultura. E andranno anche sostenute moratorie creditizie e ristrutturazioni dei prestiti bancari. Necessaria, ancora, la riproposizione, per il 2022 e per il 2023, delle misure emergenziali, varate nel periodo pandemico, in materia di ammortamenti e capitale sociale. Andrà poi risolta – conclude Confcommercio- la questione del payback sui dispositivi medici, che mette a rischio il sistema della fornitura ospedaliera”.

Gigi Cabrino nato a Casale Monferrato (AL) nel 1977, laureato in economia aziendale, in Teologia e specializzato in servizi socio sanitari, padre di quattro figli. Consigliere comunale a Villanova Monferrato per due mandati a cavallo del secolo scorso e a San Giorgio Monferrato dal 2019. Lavoro nella scuola pubblica da alcuni anni come insegnante prima e tra il personale non docente poi. Atleta di fondo e mezzofondo da sempre.

Servizio Precedente

L'Europa alza il prezzo del tetto del gas vicino a quello degli speculatori? Serve altro che il "sovranismo alimentare" per difendere la patria...

Prossimo Servizio

Forse l'hanno capita. Bce: Niente rialzo dei tassi. Europa verso una recessione profonda

Ultime notizie su Economia