Dal Nord Est al Nord Ovest, le imprese padane sfidano la crisi

Lettura 6 min

 Capacità di guardare al futuro, resilienza, volontà di mettersi in gioco in uno dei momenti economicamente più difficili degli ultimi decenni. C’è un mondo, nel comparto delle cooperative costituite dai lavoratori delle imprese in crisi che rilevano l’attività (i cosiddetti WBO, Workers BuyOut), che non solo non si è fermato, ma che, durante il 2020, ha rilanciato, investendo in beni e in capitale umano.Una voglia di ripresa e ripartenza che ha visto in prima linea CFI- Cooperazione Finanza Impresa, investitore istituzionale partecipato e sorvegliato dal Ministero dello Sviluppo Economico, che sostiene, con i fondi della Legge Marcora, i WBO, la nascita di nuove imprese cooperative, i progetti di consolidamento oericonversione produttiva. Nel 2020 CFI ha deliberato 56 interventi con oltre 20 milioni di investimenti. Un piano importante per sostenere realtà che durante la pandemia hanno cercato opportunità e non solo visto minacce.

 Come la Cooperativa Lavoratori Zanardi di Padova. Un WBO che nasce dall’ex Gruppo Editoriale Zanardi, fondato negli anni Settanta. Il Gruppo si era affermato anche a livello internazionale nel campo della legatura cartonata, mantenendo una forte connotazione artigiana. Il mercato di riferimento era ed è quello dei volumi di pregio e dei libri per bambini. Una nicchia che ha resistito nonostante l’avvento del digitale. Sei anni fa la crisi e la volontà di continuare da parte dei lavoratori.Ventotto di loro hanno creato una cooperativa e rilevato la società: oggi l’impresa conta 45 addetti. La momentanea contrazione dei volumi del 2020 provocata dall’effetto Covid non ha modificato le strategie di crescita. La Cooperativa ha deciso un importante investimento (una nuova linea per l’incassatura dei libri) che moltiplicherà la capacità produttiva e il livello di efficienza. CFI è intervenuta con un investimento di 800 mila euro. “E’ la prima pietra di un nuovo ciclo di vita – dice il presidente della Cooperativa Mario Grillo – siamo entrati nell’industria 4.0. Ci prepariamo al dopo, perché il dopo è di quelli che sono andati avanti”.

 La stessa lungimiranza ha dimostrato Greslab, Workers BuyOut nato nel 2011 a Scandiano in provincia di Reggio Emilia.L’azienda in questi anni è cresciuta significativamente in volumi, redditività e competenze tanto da arrivare a un fatturato annuale di 18 milioni di euro. La Cooperativa è attiva nella produzione di piastrelle in ceramica e in gres di porcellana. È sorta dalle ceneri della Ceramica Magica e oggi conta 80 addetti di cui 50 soci. Nel corso degli anni la fabbrica è stata digitalizzata.Si è puntato su nuove tecnologie, nuove materie prime attraverso una continua attività di ricerca e sviluppo affiancate da consistenti investimenti. L’ultimo di questi in piena pandemia. Sono stati messi in campo 2 milioni di euro per produrre piastrelle di nuove dimensioni: quelle 90X90. Nonostante il Covid abbia fatto registrare una significativa contrazione degli ordinativi, l’utilizzo della CIGS a zero ore di tutti i reparti ha ridotto l’impatto negativo. La ripartenza della produzione è stata il 4 maggio con un solo forno, circa il 60% della capacità fino alla fine di giugno. CFI, ha sostenuto Greslab sin dall’avvio e ora è intervenuta con un ulteriore investimento di 230 mila euro. “Chiudiamo l’anno in pareggio – afferma il presidente Antonio Caselli – da settembre siamo in produzione piena e non era per nulla scontato”.

Anche i lavoratori della Cooperativa Fonderia Dante non hanno dato nulla per scontato. Si tratta di un WBO nato tre anni fa dalla ristrutturazione del Gruppo Ferroli, non più interessato a rilanciare la produzione interna di caldaie in ghisa nella fonderia di San Bonifacio, in provincia di Verona. La prospettiva di perdita del lavoro per 160 dipendenti si è tramutata in una scommessa vinta quando 62 di loro hanno investito l’indennità di mobilità e la liquidazione per formare una cooperativa che nel nome rievoca il fondatore Dante Ferroli.La società, che oggi conta 90 addetti, ha messo in campo a tempo di record una strategia di sviluppo industriale che l’ha portata dapprima a trasformarsi in un’azienda terzista per poi diversificare l’attività, spostando una quota importante sforzi e ricavi con la fornitura di dischi freno per la Brembo. La Cooperativa, in questi anni, ha investito 5 milioni di euro per sviluppare nuovi prodotti, aumentare il livello di efficienza ed automazione, potenziare gli impianti, far crescere la capacità produttiva e rispettare la normativa ambientale. Poco dopo la fine del primo lockdown CFI, che ha finanziato anche questa realtà sin dall’avvio, è intervenuta con un nuovo finanziamento di 500 mila euro per sostenere ulteriori investimenti.”Molte imprese hanno affrontato la crisi in un’ottica difensiva, cercando di limitare i danni e resistere, in attesa che si creino le condizioni economiche per ripartire. – afferma l’amministratore delegato di CFI Camillo De Berardinis – Zanardi, Greslab e Fonderia Dante hanno scelto invece di investire, puntando sull’innovazione e sul miglioramento dell’efficienza produttiva. CFI non poteva che sostenere finanziariamente questa scelta coraggiosa e lungimirante che permetterà alle tre aziende di crescere, conquistare nuove quote di mercato e creare nuova occupazione”. 

Servizio Precedente

Trump da gennaio perderà privilegi Twitter riservati ai leader

Prossimo Servizio

Imparare giocando col nostro cane

Ultime notizie su Economia