Martirio fratelli Cervi, giustizia è stata davvero fatta?

28 Dicembre 2023
Lettura 1 min

di Roberto Gremmo – L’anniversario del martirio dei fratelli Cervi e’ stato prevedibilmente limitato a delle iniziative celebrative, mentre poteva essere una buona occasione per chiarire i tanti dubbi sulle vere cause che permisero ai fascisti di catturarli. Un mistero che dura da sempre, o, forse, un segreto infamante conosciuto da pochi.

A quanto risulta, i partigiani ribelli ed “anarchici” di casa Cervi divennero preda delle camicie nere; furono isolati e lasciati al loro destino proprio ed erano in rotta di collisione con il Partito Comunista.

Risulta chiaramente dai documenti che Aldo Cervi stava dialogando con l’esponente del Partito d’Azione Ettore Trombetti, consegnava i proventi delle espropriazioni armate al CLN e non al PCI, non sopportava discipline imposte dai funzionari. E per queste sue imperdonabili scelte, al momento del bisogno si trovo solo, con la famiglia e pochi altri compagni.

Si e’ scritto molto su un traditore, e si e’, secondo me erroneamente, fatto il nome di un delatore, ma le accuse non hanno trovato seri riscontri. Si e’ perciò avuta l’impressione che la scelta d’un colpevole politicamente indifeso sia stato un espediente per allontanare ogni sospetto da qualcun altro. Ed anche questo è un altro aspetto della tragedia che andrebbe chiarito.

Insomma, ci sarebbe da studiare ed indagare. Più che celebrare.

Ma non si vuole farlo.Tanto meno a Reggio.

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

EasyPark, attacco hacker all’app per parcheggi più grande d’Europa

Prossimo Servizio

Tratta di esseri umani: in Italia terza fonte di guadagno

Ultime notizie su Cultura

Ci sono Savoia e Savoia….

di Roberto Gremmo – Con tutto il rispetto per il defunto, non credo meriti particolare omaggio il discendente dei Savoia Carignano (ramo cadetto della dinastia). Quando morì Umberto secondo noi autonomisti piemontesi
TornaSu