La democrazia dell’algoritmo – L’incredibile oscuramento della pagina Fb dell’Accademia della Crusca dal 21 dicembre ad oggi. Il ripristino dopo la notizia data da Adnkronos!

12 Gennaio 2024
Lettura 1 min

  È tornata visibile nel pomeriggio di oggi la pagina Facebook dell’Accademia della Crusca , storico ente fiorentino di ricerca sulla lingua italiana, che era stata oscurata dallo stesso social network il 21 dicembre scorso. Gli accademici avevano annunciato che la loro pagina Facebook era stata oscurata con un avviso pubblicato sul sito in cui spiegavano di non conoscerne i motivi. 

“Dopo che è uscita la notizia della pagina oscurata – spiega Marco Biffi, accademico responsabile web per la Crusca – siamo stati contattati da Meta” l’azienda che gestisce Facebook, “che voleva capire la situazione. Abbiamo loro spiegato quanto accaduto e poi la pagina è tornata online. Non abbiamo capito quale sia stato il motivo del blocco, ci è stato solo spiegato che probabilmente è stato un errore”.

Durato 21 giorni di oscuramento. Così tanto tempo per vedere ripristinato un diritto.

“Dopo 21 giorni di attesa la nostra pagina è stata finalmente riattivata. Ringraziamo tutti i giornalisti e in generale tutti coloro che si sono interessati al nostro problema”, si legge sulla pagina di nuovo attiva.

 Il ripristino della pagina Fb è avvenuto dopo che l’agenzia di stampa Adnkronos ha reso noto nella mattinata di oggi che la Crusca da quasi tre settimane non era riuscita a conoscere i motivi di questo provvedimento, “che ci provoca non poca preoccupazione e molto dispiacere per non poter raggiungere, come di consueto, i nostri lettori su quel canale”, aveva detto il professore Marco Biffi, accademico e responsabile web dell’Accademia, si legge sulla stessa agenzia. Ci voleva il giornalismo, quello senza algoritmi, per far sentire la voce della Crusca.

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

Open Arms. Salvini al processo: L’allora capo di gabinetto Piantedosi mi disse che a bordo situazione era sotto controllo

Prossimo Servizio

Ciocca: Boldi ha ragione nel denunciare l’insicurezza a Milano. Sindaco Sala agisca

Ultime notizie su Cultura

Ci sono Savoia e Savoia….

di Roberto Gremmo – Con tutto il rispetto per il defunto, non credo meriti particolare omaggio il discendente dei Savoia Carignano (ramo cadetto della dinastia). Quando morì Umberto secondo noi autonomisti piemontesi
TornaSu