I GRAFOMANI – Se mi devo meritare il Colosseo ed entrare superando un quiz, non devo forse anche meritarmi il voto ed entrare al seggio consapevole?

18 Luglio 2023
Lettura 1 min

di Stefania Piazzo – Sul Corriere della Sera Massimo Gramellini titola il suo “Caffè” “Meritarsi il Colosseo”. E commentando l’ultimo episodio di graffito sui mattoncini dell’Anfiteatro Flavio, si interroga: è democratico che la cultura sia per tutti? Sì. E che il biglietto abbia lo stesso costo per tutti? Sì. Ma sarebbe ancora più a tutela di tutti che la visita ad un monumento fosse consapevole. E allora, perché non fermare lo scempio con un quiz preliminare su “Che cos’è il Colosseo?”. Se lo passi, biglietto obliterato. Altrimenti torni quando hai studiato.

Perché, per semplice translazione, non si sposta la questione sul voto? E’ democratico che tutti possano e debbano votare? Sì. Ma siccome il voto delega in modo deciso la nostra vita e la comunità ad un eletto, dentro un perimetro di regole costituzionali, perché non formare l’elettore alla stregua del turista che vuole ammirare il Colosseo?

Se vogliamo salvaguardare la cultura, perché non dobbiamo porci in modo serio e definito anche la questione di salvaguardare il bene comune più grande che è la cosa pubblica, la sanità, la scuola, l’università, i trasporti, i beni culturali, l’agricoltura… tutto quanto è sottoposto al comando di uomini e donne eletti da inconsapevoli turisti elettorali grafomani?

Da epistocratico.it

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

SANITÀ, WELFARE E NON AUTOSUFFICIENZA: CISL PRESENTA IL DOCUMENTO PROGRAMMATICO

Prossimo Servizio

Anche i giovani laureati scappano dal Sud. Persi in 20 anni 460mila dottori

Ultime notizie su Cultura

Intelligenza artificiale dilaga per fare i compiti

 L’intelligenza artificiale sta rivoluzionando ogni settore, compreso quello dell’istruzione. Secondo una ricerca condotta da Tgm Research per conto di NoPlagio su un campione di mille persone, il 71% dei ragazzi dai 16
TornaSu