Inflazione più fredda ma i prezzi non calano

4 Luglio 2023
Lettura 1 min

di Gigi Cabrino – I dati Istat sulle aspettative dei consumatori danno buone speranze per i prossimi mesi.
L’associazione di consumatori Codacons ha diramato una nota.
La ripresa della fiducia dei consumatori è un segnale positivo, specie sul fronte della propensione ai consumi da parte delle famiglie. Lo afferma il Codacons, commentando i dati diffusi dall’Istat.
“Da un lato la frenata dell’inflazione e il costante attenuarsi del fenomeno del caro-bollette, dall’altro l’arrivo della stagione estiva, hanno infuso ottimismo nei consumatori, migliorando le loro aspettative e incrementando l’indice sulla fiducia, che a giugno torna ai livelli più alti da febbraio 2022 – spiega il presidente Carlo Rienzi – Un dato positivo perché ad una maggiore fiducia corrisponde una maggiore propensione ai consumi e alla spesa nel breve periodo da parte dei consumatori. Ora il Governo deve sfruttare questo “tesoretto” adottando le misure utili a tutelare potere d’acquisto e redditi e a garantire una rapida discesa dei prezzi al dettaglio in quei settori, come alimentari e carrello della spesa, dove i listini sono ancora elevati” – conclude Rienzi.

Gigi Cabrino nato a Casale Monferrato (AL) nel 1977, laureato in economia aziendale, in Teologia e specializzato in servizi socio sanitari, padre di quattro figli. Consigliere comunale a Villanova Monferrato per due mandati a cavallo del secolo scorso e a San Giorgio Monferrato dal 2019. Lavoro nella scuola pubblica da alcuni anni come insegnante prima e tra il personale non docente poi. Atleta di fondo e mezzofondo da sempre.

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

Non un solo Pil. Nord Est e Centro corrono insieme. Nord Ovest e Mezzogiorno in difficoltà

Prossimo Servizio

Salario minimo, l’opposizione propone la soglia minima di 9 euro l’ora

Ultime notizie su Cronaca

Perquisita Fondazione Olimpiadi Milano-Cortina

 Tre affidamenti “opachi” in cambio di soldi e un’auto, il sospetto su altre procedure adottate per la scelta di fornitori e sponsor in campo digitale e per alcune assunzioni di dipendenti della
TornaSu