Ecocentro di Cuggiono e Bernate. Manca “qualcosa”? L’interrogazione di Grande Nord

Lettura 4 min

Riceviamo e pubblichiamo

Alla cortese Att.ne

Sig. Sindaco Cucchetti Giovanni

e p.c. Sig. Sindaco Colombo Mariapia

e p.c. Aemme Linea Ambiente

In base all’art. 42 dello Statuto comunale si inoltra la seguente richiesta

Oggetto: INTERROGAZIONE SU SOTTRAZIONE BENI COMUNALI ALL’ECOCENTRO DI CUGGIONO-BERNATE E POSSIBILI MIGLIORIE DEL SERVIZIO

Considerato che:

  • La raccolta per conferimento all’ecoarea dei rifiuti integra le raccolte differenziate, con servizio porta a porta nei due comuni di Cuggiono e Bernate, con l’obiettivo di ridurne le quantità e i costi , altresì implementare la raccolta differenziata dei materiali riciclabili.

Rilevato che:

  • Il nostro ecocentro dal 2000 è aperto alle utenze domestiche e alle imprese insediate sul territorio che intendono conferire, gratuitamente e con mezzo proprio, i rifiuti urbani che, per tipologia e/o dimensione e/o peso, non possono essere raccolti con servizio ordinario

Verificato che:

  • I comuni di Cuggiono e Bernate Ticino dal 2014 hanno concesso in comodato d’uso l’ecocentro ad Aemme Linea Ambiente che dovrà fra l’altro inviare mensilmente, all’area Urbanistica Edilizia e Ecologia, le tabelle con le quantità di rifiuti raccolti nello stesso

Preso atto che:

  • Diversi cittadini da tempo segnalano alcuni gravi episodi di sottrazione di beni (in particolare rottami di ferro e batterie auto) all’interno dell’ecocentro, in pieno giorno sotto gli occhi di tutti

Constatato che:

  • Il Tribunale di Udine con sentenza n. 350 del febbraio 2016 ha stabilito che impossessarsi dei beni custoditi nella piazzola ecologica integra il reato di furto.
  • Nella fattispecie, i Giudici ritengono che i beni, anche se dismessi, conservano comunque un valore economico e che il furto sia aggravato in quanto il luogo adibito alla raccolta dei rifiuti è stabilimento pubblico
  • La piazzola ecologica, seppur gestita da privati, rientra nella nozione di stabilimento pubblico, rendendo il reato pienamente punibile

Valutato che:

  • L’art. 12 del regolamento ecoarea comune di Cuggiono e Bernate Ticino, richiama il divieto a chiunque di effettuare, eccetto il personale incaricato dalle Amministrazioni Comunali, cernita e recupero di qualsiasi tipo materiale.

Nella App “Cuggiono Smart” seguendo la voce rifiuti e piattaforma ecologica è evidenziato: “non è consentito prelevare materiale depositato in piattaforma

SI CHIEDE AL SIGNOR SINDACO:

  • Sono giunte al Comando di Polizia Locale segnalazioni/denunce di sottrazione di materiali? Se sì in quali annualità e in che numero
  • La sua Amministrazione è al corrente di questi gravi accadimenti sotto l’aspetto ambientale/economico/ di comportamento e altro ancora?
  • Come intende procedere per risolvere in modo deciso e perentorio queste azioni illegali?
  • Nel 2019 è stato riqualificato l’ecocentro ed installato anche un nuovo sistema di videosorveglianza, è pienamente funzionante?
  • Ritiene sufficienti le due giornate d’apertura ai privati/aziende? In particolare, non reputa opportuno, nella giornata di martedì, annullare la concomitanza delle due tipologie di fruitori?
  • Non giudica appropriato favorire, per un immediato e pieno utilizzo del servizio, un ingresso anticipato di mezz’ora sull’orario di apertura da parte degli addetti al servizio?
  • Alcuni cittadini ci segnalano la difficoltà del lettore apri-sbarra a rilevare la tessera, in particolar modo nel pomeriggio, è forse dovuto alla sua esposizione prolungata ai raggi solari?

Ringraziando per l’attenzione, si chiede risposta scritta

Cuggiono 27.08.22

Ronchi Gianfranco

Prina Pietro

Servizio Precedente

La proposta di un candidato leghista: "Investire di più nello sport, magari togliendo qualcosa alla sanità". Certo, lo dica a medici e infermieri

Prossimo Servizio

LA VERITA' SUL REFERENDUM SCOZZESE - L'ex premier Salmond racconta la trattativa: "Ecco cosa dissi al Primo Ministro Cameron, che scese a compromessi"

Ultime notizie su Cronaca