La proposta di un candidato leghista: “Investire di più nello sport, magari togliendo qualcosa alla sanità”. Certo, lo dica a medici e infermieri

Lettura 2 min

di Gigi Cabrino – “Bisogna investire di più nello sport, togliendo magari qualcosa alla sanità”.

Questa la proposta dell’ex pallavolista Mastrangelo candidato con la Salvini premier. “Non dico di togliere tutto alla sanità, ma qualcosina si può dedicare allo sport, visto che nello sport viene stanziato sempre molto poco e nella sanità tantissimo.“.

Niente da obiettare sulla necessità di stanziare maggiori fondi allo sport, ci mancherebbe, lo sport è da anni dimenticato dalla politica, ma c’è da chiedersi dove il neo esponente della neo Lega abbia visto queste enormi quantità di denaro investite in sanità.

La pandemia scoppiata a febbraio 2020 ha messo a nudo le criticità della sanità dopo anni di continui tagli.

Condivisibile al 100% la proposta di aumentare i fondi allo sport, magari, aggiungiamo, sostenendo di più le famiglie che ogni anno si vedono costrette a spendere cifre notevoli per permettere ai figli di praticare sport, oppure facendo diventare, come chiede il CONI da anni, lo sport elemento centrale nella scuola.

Ma se c’è una voce da non toccare è quella della sanità.

Mastrangelo potrebbe informarsi maggiormente su questa sanità a cui dovrebbero essere tolti un po’ dei troppi fondi, e scoprirebbe che mancano 50mila medici e altrettanti infermieri, che per una prenotazione servono mesi…. Forse capirebbe che nella sanità c’è da investire di più e, soprattutto, meglio, altro che tagli.

E se si investissero nello sport parte dei 18/20 miliardi annui che ogni anno i contribuenti spendono per mantenere il reddito di cittadinanza votato dal suo partito?

Gigi Cabrino nato a Casale Monferrato (AL) nel 1977, laureato in economia aziendale, in Teologia e specializzato in servizi socio sanitari, padre di quattro figli. Consigliere comunale a Villanova Monferrato per due mandati a cavallo del secolo scorso e a San Giorgio Monferrato dal 2019. Lavoro nella scuola pubblica da alcuni anni come insegnante prima e tra il personale non docente poi. Atleta di fondo e mezzofondo da sempre.

Servizio Precedente

Amaro dopo ferie. Alimentari, luce, gas e caro scuola. Codacons: 711 euro in più come antipasto

Prossimo Servizio

Ecocentro di Cuggiono e Bernate. Manca "qualcosa"? L'interrogazione di Grande Nord

Ultime notizie su Elezioni