In pullman da Como in Svizzera per fare scorta di idrossiclorochina

Lettura 1 min

di Benedetta Baiocchi – Con l’aria che tira e la paura di nuove fiammate di Covid, è partita una nuova corsa. Quella del fare scorta di flaconi di Plaquenil (idrossiclorochina), partendo dal comasco verso la Svizzera.

Lo ha raccontato Repubblica, documentando che da Verbania, Como, Varese e Novara, molti si stiano spostando verso il Canton Ticino dove la vendita è liberalizzata. “Adesso che – scrive il quotidiano – da oltre due mesi, la vendita nel Belpaese è off-limits, per il popolo del nord che ha fede nel suo potere curativo, non è rimasta che la trasferta (legittima) in Svizzera”.

“Una dottoressa dalla Farmacia internazionale Bordoni di piazza della Riforma di Lugano – si legge – spiega cosa accade: “Abbiamo una forte richiesta della molecola, ma alle persone che non l’assumono specificamente per malattie reumatologiche, vendiamo il prodotto di altro marchio, in questo caso “Hidroxychloroquine dottor EB”: 30 compresse da 200 mg in una confezione che costa 23 franchi. Il Plaquenil (Sanofi) lo distribuiamo invece ai pazienti che lo utilizzano nel loro piano terapeutico a 37,55 franchi. È una decisione che ci consente di soddisfare la domanda del farmaco per profilassi e terapia di Covid-19 delle decine di persone che ogni giorno vengono qui, dall’Italia e dal circondario”.

Alternativa al pullmino è scannerizzare la ricetta e farsi arrivare a casa il farmaco, pagando circa 25 euro di spedizione.

Servizio Precedente

VIDEO / Brugnaro si riconferma a Venezia. Festeggiamenti "sobri" in piazza con il trenino

Prossimo Servizio

Fisco, Germania e Italia a confronto. La vera spallata è al sistema che soffoca e opprime il lavoro

Ultime notizie su Veneto