Il paziente inglese. Londra, da settembre campagna di richiami contro le nuove varianti

27 Marzo 2021
Lettura 1 min

Da settembre partirà nel Regno Unito la campagna vaccinale per i ‘richiami’, per proteggere la popolazione contro le nuove varianti del virus. Lo ha annunciato Nadhim Zahawi, il sottosegretario responsabile della campagna vaccinale britannica, spiegando che le prime dosi dei richiami saranno somministrate ai quattro gruppi prioritari: le persone di 70 anni e oltre di età, il personale sanitario impegnato nella lotta al Covid-19, il personale delle residenze per anziani e le persone estremamente fragili dal punto di vista medico. In un’intervista al Telegraph, Zahawi ha annunciato che “la data più probabile sarà settembre” per l’avvio delle somministrazioni dei richiami. Per l’autunno, ha spiegato, il Regno Unito potrebbe già disporre di otto differenti vaccini, con una parte della produzione sul suolo britannico. Il governo, secondo quanto emerge dai media, è preoccupato dal rischio che il successo finora conseguito dalla campagna vaccinale (29 milioni di cittadini hanno già ricevuto la prima dose) possa essere compromesso dall’ingresso nel Paese di nuove varianti del virus. Per questo, ha riportato il Guardian, venerdì c’è stato un vertice per valutare l’ampliamento della ‘lista rossa’ dei Paesi per i quali è previsto un autoisolamento obbligatorio in albergo all’arrivo sul suolo britannico.

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

Cgia: gli “aiuti” compensano al massimo il 18,5% dei ricavi. Draghi deve cambiare registro

Prossimo Servizio

AMBIENTE E ANIMALI IN COSTITUZIONE, PRIMO PASSO AL SENATO. LA LEGA VOTA CONTRO. FORZA ITALIA SI ASTIENE

Ultime notizie su Politica

Amnistia per gli indipendentisti catalani, ora è legge

Gli avvocati difensori di 36 dirigenti del partito della Sinistra repubblicana catalana (Erc) condannati o processati per reati collegati al processo indipendente in Catalogna hanno sollecitato oggi l’applicazione dell’amnistia. Secondo fonti giuridiche citate
TornaSu

Don't Miss