Fedriga, non diamo date su riaperture

Lettura 1 min

 Sulla riapertura “abbiamo indicato ipotesi senza date o ultimatum”. Come Conferenza delle Regioni “consapevolmente e volutamente non abbiamo messo date, non cerchiamo lo scontro. Noi cerchiamo di fare proposte costruttive”. Così il presidente del Friuli Venezia Giulia, e presidente della Conferenza delle Regioni Massimiliano Fedriga a Radio Anch’io. “Nella lettera di accompagnamento abbiamo chiesto di favorire in via sperimentale le attività che si possono svolgere all’aperto per quanto riguarda le riaperture – ha aggiunto – questo potrebbe permettere un anticipo di date e la prudenza necessaria in questo momento”. “Non suggeriamo date e ci siamo tenuti lontane dalle polemiche sull’aprire un giorno prima o dopo”, ha ribadito.

“La riflessione è di prendere consapevolezza che il Paese vive una forte tensione sociale e rischiamo che se le istituzioni non si allineano con i cittadini non è un problema solo delle attività economiche e lavorative, quello che mi preoccupa è il rispetto delle regole che rischia di far saltare la tenuta alla lotta contro la pandemia. Forse è meglio regole forti che vengano rispettate che tanti divieti che poi non vengono rispettati”, ha aggiunto Fedriga

Servizio Precedente

Recovery, metà al Sud

Prossimo Servizio

Un corto circuito dietro l'altro. Pasticcio ex Ilva, alla fine paga lo Stato

Ultime notizie su Politica