Il gip: Caposervizio funivia incolpa altri per condividere peso della disgrazia

Lettura 1 min

 Gabriele Tadini, caposervizio della funivia del Mottarone che ha ammesso di aver piazzato i forchettoni per disattivare i freni e ha sostenuto che il gestore Luigi Nerini e il direttore di esercizio Enrico Perocchio avevano avallato la scelta, sapeva bene che “il suo gesto scellerato aveva provocato la morte di 14 persone” e per questo avrebbe condiviso “questo immane peso, anche economico” con le “uniche due persone che avrebbero avuto la possibilita’ di sostenere un risarcimento danni”. Per questo ha chiamato “in correita'” i “soggetti forti del gruppo”, per attenuare le sue “responsabilita'”. Lo scrive il gip di Verbania.

Servizio Precedente

L'ultima di Brunetta: siamo a vigilia del boom economico

Prossimo Servizio

Giustizialismo ovvero la repubblica della ghigliottina e delle accuse suggestive. Lodi, Mottarone... Il "rimborso del danno" è eventuale

Ultime notizie su Piemonte