Salvini, terzo mandato questione di democrazia

18 Gennaio 2024
Lettura 1 min

“Sul terzo mandato, per me, al di là dei casi singoli, è una questione di democrazia e di libertà. Se uno ha un sindaco bravo o ha un governatore bravo, perché dopo due mandati deve mandarlo a casa? Non c’è il limite dei mandati per i parlamentari e per i ministeri. Perché se io ho un sindaco bravo della mia città dopo dieci anni lo devo rottamare e se ho un governatore che mi porta gli ospedali, le ferrovie e le scuole a livello di eccellenza lo devo rottamare? Secondo me, è questione di buon senso. Poi sono i cittadini a scegliere. Se non ti piace più quel sindaco o quel governatore, non lo voti. Per legge mettere un limite alla possibilità dei cittadini di scegliere un sindaco o un governatore, secondo me, è sbagliato. La Lega su questo non cambierà mai idea”. Lo ha detto il vicepremier e segretario della Lega , Matteo Salvini, parlando con i cronisti a Benevento.  

“Il terzo mandato, secondo me, è questione di democrazia e non capisco quelli che dicono: no, bisogna limitarlo. Per i parlamentari c’è un limite di obbligatorio? No. E perché lo devi mettere per i sindaci e per i governatori. Poi scegliere i cittadini, non è che ci uno si autoproclama sindaco o governatore per la terza volta. Se a un cittadino piace quello che ha fatto Zaia per il Veneto lo rivota. Se è stufo, vota un altro. Cancellare per legge l’opportunità di offrire ai cittadini, secondo me, è sbagliato”, ha aggiunto Salvini. 

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

Ciocca (Lega), meglio geotermico che il fotovoltaico ma Europa non ci sta

Prossimo Servizio

Dietrofront Lega su Solinas governatore in Sardegna. Ora priorità è “unità coalizione”

Ultime notizie su Elezioni

Quel NO debole dei Fratelli

di Gigi Cabrino – Il no di Fdi al bis di Von Der Leyen non è stato motivato dai contenuti del suo discorso programmatico ma esclusivamente dalla volontà di “non sporcarsi le

MACHIAVELLI – LA FRANCIA AL CONTRARIO

di Cuore verde – La Francia al contrario. Il partito che ha preso più voti, RN, è ultimo al ballottaggio. Mentre il presidente, capo del partito che ha meno voti, cerca di
TornaSu