DIESEL: CON STOP UE A PRODOTTI RAFFINATI RUSSI PROBABILI NUOVI AUMENTI

30 Gennaio 2023
Lettura 1 min

di Gigi Cabrino – Il prossimo 5 febbraio scatterà l’embargo UE ai prodotti raffinati dal petrolio provenienti dalla Russia e si teme un’impennata ulteriore dei prezzi del diesel.
Quifinanza.it informa dettagliatamente sulla questione.
“Manca ormai poco più di una settimana al 5 febbraio, giorno in cui scatterà l’embargo all’importazione di prodotti petroliferi lavorati da Mosca. Massima allerta sul prezzo del diesel già oggi schizzato sopra 1,9 euro al litro nelle stazioni di servizio italiane e qualche tempo fa arrivato sino a 2,5 euro in alcune località italiane. L’Europa sospenderà infatti l’importazione di prodotti raffinati per un totale di circa un milione di barili al giorno e la metà di questi barili saranno di diesel a basso zolfo (frutto del cosidetto petrolio “dolce”) ad alto potere calorifico”.


Naturalmente tale scenario non è una sorpresa per l’Europa. A maggio Rystad Energy, think tank norvegese specializzato in studi strategici di settore, aveva lanciato l’allarme sulle carenze di un mercato europeo dipendente dalla Russia. La domanda totale di diesel e gasolio europea si posiziona tra i 6 e i 7 milioni di barili al giorno, dunque la domanda potrebbe essere impattata per il 7-8% da un giorno all’altro in caso di bando. L’Europa è corsa ai ripari acquistando prodotti raffinati dall’India, dal Medio Oriente e dalla Cina ma a un costo maggiore”.


“In termini di dipendenza l’Italia fino a giugno 2022 ha importato diesel dalla Russia solo per il 5%. Da luglio la quota è stata completamente azzerata. Il Paese infatti può contare su 13 impianti che rendono la penisola praticamente autonoma: a fronte di un consumo interno di prodotti raffinati pari a 55 milioni di tonnellate, ne raffiniamo quasi 71, mentre la capacità produttiva teorica arriva a 88 milioni di tonnellate”.
Se la quota di raffinati russi in Italia è stata azzerata il timore è quello di speculazioni che allineino i prezzi a quelli di paesi europei con forti importazioni di prodotti raffinati dalla Federazione Russa.
Ad esempio la Germania dipende per il 30% dal gasolio russo.

Gigi Cabrino nato a Casale Monferrato (AL) nel 1977, laureato in economia aziendale, in Teologia e specializzato in servizi socio sanitari, padre di quattro figli. Consigliere comunale a Villanova Monferrato per due mandati a cavallo del secolo scorso e a San Giorgio Monferrato dal 2019. Lavoro nella scuola pubblica da alcuni anni come insegnante prima e tra il personale non docente poi. Atleta di fondo e mezzofondo da sempre.

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

Pedopornografia, blitz in tutta Italia. Arrestati un catechista e un autista di scuolabus

Prossimo Servizio

Autonomia. La proposta de la Nuova Padania. Un tavolo tra i cittadini di Monte di Procida e i veneti per superare il nulla dei partiti da 30 anni

Ultime notizie su Economia

CNA: IL TAGLIO DEI TASSI NON BASTA ANCORA

di Gigi Cabrino – Gli imprenditori di CNA da tempo attendevano un’inversione di tendenza nella politica monetaria della BCE e il taglio dei tassi della settimana scorsa è stato accolto positivamente; tuttavia

BCE regala un piccolo taglio dei tassi

di Gigi Cabrino – Era atteso ed è arrivato il primo leggero taglio dei tassi.Nessuna sorpresa da Francoforte, nonostante la piccola recente fiammata dell’inflazione. Infatti il Consiglio direttivo della Bce ha deciso
TornaSu

Don't Miss