ANEC: Non ci si contagia al cinema. In 5 mesi non un aiuto

Lettura 6 min

Un sentito appello a prevedere interventi urgenti a tutela delle sale cinematografiche, necessarie per la sopravvivenza dei lavoratori e il rilancio delle imprese, è stato rivolto da Mario Lorini, presidente dell’Anec (Associazione Nazionale Esercenti Cinema) al presidente del Consiglio dei ministri, Giuseppe Conte e al ministro per i Beni e le Attività culturali e per il Turismo, Dario Franceschini. ”Alla luce del nuovo Dpcm firmato in data odierna – si legge nella lettera – siamo ad esprimere forte preoccupazione e disapprovazione anche per l’impatto devastante che questo ulteriore stop avrà sulle sale cinematografiche. In questo momento la priorità collettiva è comprensibilmente rivolta alla salvaguardia della vita e della salute della popolazione, ma è di assoluta importanza fugare il dubbio che la chiusura del comparto dello spettacolo non sia dovuto a criticità legati alla sicurezza che è invece in grado di garantire con livelli altissimi, ma sia un agnello sacrificale immolato per salvare altri settori che continuano, per il momento, a poter operare in regime di normalità, seppur con limitazioni”. “Nei 5 mesi trascorsi dalla ripartenza, abbiamo più volte e invano, richiesto un sostegno per una forte campagna di comunicazione per la ripartenza, e i dati di contagio nelle sale cinematografiche confermano la assoluta e massima sicurezza degli ambienti per i lavoratori e gli spettatori. La capacità di garantire distanziamento in sala durante gli spettacoli, negli accessi e nei deflussi, la misurazione della temperatura, i posti assegnati e il tracciamento di ogni cliente, fanno dei cinema – rivendica l’Anec – uno dei posti più sicuri che fino ad oggi sono in attività”. (segue) (Spe-Car/Adnkronos) ISSN 2465 – 1222 25-OTT-20 19:37 NNNNDOMENICA 25 OTTOBRE 2020 19.37.31CORONAVIRUS: ANEC, DEVASTANTE IMPATTO DPCM SU SALE CINEMATOGRAFICHE =ADN0870 7 SPE 0 ADN SCN NAZ CORONAVIRUS: ANEC, DEVASTANTE IMPATTO DPCM SU SALE CINEMATOGRAFICHE = Roma, 25 ott. (Adnkronos) – Un sentito appello a prevedere interventi urgenti a tutela delle sale cinematografiche, necessarie per la sopravvivenza dei lavoratori e il rilancio delle imprese, è stato rivolto da Mario Lorini, presidente dell’Anec (Associazione Nazionale Esercenti Cinema) al presidente del Consiglio dei ministri, Giuseppe Conte e al ministro per i Beni e le Attività culturali e per il Turismo, Dario Franceschini. ”Alla luce del nuovo Dpcm firmato in data odierna – si legge nella lettera – siamo ad esprimere forte preoccupazione e disapprovazione anche per l’impatto devastante che questo ulteriore stop avrà sulle sale cinematografiche. In questo momento la priorità collettiva è comprensibilmente rivolta alla salvaguardia della vita e della salute della popolazione, ma è di assoluta importanza fugare il dubbio che la chiusura del comparto dello spettacolo non sia dovuto a criticità legati alla sicurezza che è invece in grado di garantire con livelli altissimi, ma sia un agnello sacrificale immolato per salvare altri settori che continuano, per il momento, a poter operare in regime di normalità, seppur con limitazioni”. “Nei 5 mesi trascorsi dalla ripartenza, abbiamo più volte e invano, richiesto un sostegno per una forte campagna di comunicazione per la ripartenza, e i dati di contagio nelle sale cinematografiche confermano la assoluta e massima sicurezza degli ambienti per i lavoratori e gli spettatori. La capacità di garantire distanziamento in sala durante gli spettacoli, negli accessi e nei deflussi, la misurazione della temperatura, i posti assegnati e il tracciamento di ogni cliente, fanno dei cinema – rivendica l’Anec – uno dei posti più sicuri che fino ad oggi sono in attività”.

L’Anec chiede, dunque, nella lettera inviata al Ministro e al Premier Conte, “una forte azione del governo e del Ministero preposto così da difendere la sala cinematografica, sostenendo e premendo per l’uscita sugli schermi di tutti i film già pronti, senza soluzioni diverse o deroghe che penalizzino l’uscita in sala. Inoltre – specifica l’Anec – l’invito è quello di istituire sin da subito un tavolo così da concordare tutte le iniziative per la ripartenza, per la tutela dell’immagine della sicurezza dei luoghi di spettacolo e la miglior forma di comunicazione per la rapida ripresa dell’attività delle sale cinematografiche”. Misure congrue e immediate a sostegno delle imprese e dei lavoratori, a ristoro del periodo di chiusura e nel segno della ripartenza, ”momento che dovrà vedere il massimo impegno da parte del governo facendo anche tesoro delle criticità che hanno rallentato la riapertura in estate – scrive Lorini – E’ purtroppo sotto gli occhi di tutti come il cinema non possa ripartire aspettando il prodotto filmico proveniente dall’estero, ma può fare affidamento unicamente sulle numerose produzioni nazionali, sostenute proprio con denaro pubblico”. “Purtroppo, la chiusura imposta da lunedì 26 ottobre, per il comparto degli esercenti cinematografiche, vanificherebbe tutto il lavoro fin qui svolto dalle singole imprese per riavvicinare il pubblico alle sale, luoghi di assoluta sicurezza”, scrive ancora l’Anec, aggiungendo che “occorre, quindi, lavorare subito a un piano di ripartenza, che dovrà avvenire al termine di questo periodo di 4 settimane, e che vede nell’immediata riapertura il periodo di maggior appeal di tutto l’anno, le festività natalizie”. “Compromettere anche questo momento – conclude il Presidente Lorini – significherebbe condannare a morte definitivamente l’intero comparto delle sale cinematografiche con tutte le aziende e i lavoratori addetti”.

Servizio Precedente

Gori: se Stato bara salta il Paese

Prossimo Servizio

Chef stellato Berton: sì a gente ammassata per Giro Italia, ma ristoranti chiusi

Ultime notizie su Economia