Un thriller medievale, padano. Inediti su Fra Dolcino nel libro di Gremmo

20 Dicembre 2023
Lettura 1 min

Se fra Dolcino avesse vinto, sarebbe nata la Padania. Lo scriveva nel 1932 il famoso intellettuale biellese Emanuele Sella nella prefazione ad una documentata biografia dell’eretico che nel Trecento mise a ferro e fuoco il Biellese e la Valsesia, proclamò l’avvento di un nuovo regno di Dio, fu sconfitto da una crociata e bruciato vivo a Vercelli.

Perché la Padania? Perché come la Francia meridionale, l’Occitania si sarebbe divisa da Parigi se una crociata non avesse massacrato i Catari che volevano creare una società di fratellanza; anche il Nord Italia se avessero vinto i dolciniani avrebbero fatto nascere uno stato di cose basato sui valori cristiani e non sulla violenza dei potenti.

Figura comunque misteriosa ed intrigante, Dolcino è al centro di un nuovo libro di Roberto Gremmo “Fra Dolcino e San Dolcito – l’enigma dell’eretico e il mistero delle reliquie” appena uscito in accurata seconda edizione dalla tipolitografia Botalla di Gaglianico (pag.160, euro 18 – tel. 0152547352).

In pagine basate su documenti spesso inediti, l’autore non si limita ad una biografia del ‘guerrigliero di Dio’ ma rivela d’aver scoperto una trama esoterica segreta che collega Dolcino ad un improbabile Dolcito, venerato in una chiesa del Cuneese che conservano le reliquie di un santo… che non esiste.

Un thriller medioevale. Padano.

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

Patto migrazione e asilo. Cosa può cambiare (dal 2024). Dallo screening all’ingresso ai ricollocamenti, sperando funzioni

Prossimo Servizio

Assalto Cgil, pesante condanna in primo grado per esponenti Forza Nuova. La replica: “Vogliono fermarci per le europee 2022”

Ultime notizie su Cultura

Ci sono Savoia e Savoia….

di Roberto Gremmo – Con tutto il rispetto per il defunto, non credo meriti particolare omaggio il discendente dei Savoia Carignano (ramo cadetto della dinastia). Quando morì Umberto secondo noi autonomisti piemontesi
TornaSu