Ingresso vietato a cani e italiani – A Riva del Garda Cinema la proiezione di “Manodopera”, storia della famiglia Ughetto dal Monviso alla Francia per lavoro

18 Ottobre 2023
Lettura 1 min

Il film di animazione “Manodopera” racconta la storia della famiglia Ughetto che vive nel paese di Ughettera ai piedi del Monte Monviso in Piemonte. Sarà proiettato giovedì 19 ottobre a Riva del Garda nel contesto di Riva del Garda Cinema presso la Sala della Comunità alle ore 21.


Siamo a cavallo del Novecento e la famiglia è numerosa ed estremamente povera. Un giorno Luigi Ughetto decide di partire con tutta la famiglia per trasferirsi in Francia.
Il viaggio è lungo e faticoso, devono attraversare a piedi le Alpi sotto la neve e in pieno inverno ma sono motivati dall’idea di trovare un’esistenza migliore.
Quello che trovano è una vita fatta di grandi sacrifici, lavori di bassa manovalanza e razzismo nei confronti degli Italiani. Sulle porte dei locali sono spesso appesi cartelli che vietano l’ingresso a cani e italiani. Ma loro tengono duro, mandano i figli a scuola, attraversano la Prima Guerra Mondiale, l’influenza spagnola e l’avvento del fascismo.
Uniti dall’amore dei genitori Cesira e Luigi, i figli crescono e trovano il loro posto in un paese inizialmente ostile ma che alla fine farà di loro dei cittadini francesi.

https://youtu.be/GPbdZ-WI8SU?si=En0mUKo6rT7nqlBq

fonte https://www.trentinospettacoli.it/eventi/manodopera-4/

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

CONFCOMMERCIO: AVANTI CON RINNOVO CONTRATTI E “VERA” RAPPRESENTATIVITÀ

Prossimo Servizio

Surrealismo politico – Scontro Sala-Fontana su autonomia. Il governatore: Milano è una smartland

Ultime notizie su Cultura

Intelligenza artificiale dilaga per fare i compiti

 L’intelligenza artificiale sta rivoluzionando ogni settore, compreso quello dell’istruzione. Secondo una ricerca condotta da Tgm Research per conto di NoPlagio su un campione di mille persone, il 71% dei ragazzi dai 16
TornaSu