Trentino – E siamo a due orsi morti, M62 e F36. Oipa: vogliamo essere presenti ad autopsia dell’orsa. “Pronti ad azioni penali”

28 Settembre 2023
Lettura 1 min


L’orsa M36, mamma di un cucciolo, è stata trovata morta ieri sera nel Comune di Sella Giudicarie (Trento). Condannata a morte da un decreto dal presidente della Provincia autonoma di Trento, Maurizio Fugatti,  l’esecuzione fu sospesa dal Tar su ricorso al Tar di Oipa con Enpa e Leidaa.

L’Organizzazione internazionale protezione animali (Oipa), sgomenta per l’ennesima morte, in pochi mesi, di un plantigrado in territorio trentino, chiederà di essere presente all’autopsia dell’orsa con un proprio perito, tanto più che in una scarna nota la Provincia di Trento oggi dichiara che “da un primo esame esterno della carcassa non è stato possibile avanzare ipotesi sulla causa della morte”.

L’associazione intanto invierà nelle prossime ore una richiesta di accesso agli atti riservandosi ulteriori azioni, anche penali, sulla base della documentazione che sarà fornita.

L’Oipa chiede infine che sia messo in atto un accurato e costante monitoraggio del cucciolo rimasto orfano.

La morte di F36 arriva dopo la morte dell’orso M62 anche lui nel mirino di Maurizio Fugatti, solo in quanto considerato “confidente”, il quale l’8 aprile scorso dichiarava in una nota stampa di voler procedere alla sua “rimozione”.


Leggi anche il comunicato stampa Oipa dell’8 settembre riguardante il decreto Fugatti che condannava a morte F36

credit foto zdenek-machacek-hztya2tQqB8-unsplash

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

Morte orsa F36, Brambilla: Clima di odio e paura, denuncia in Procura a Trento. Rischio bracconaggio altissimo

Prossimo Servizio

Patto anti-inflazione, Unione consumatori: “Spettacolo indecente”

Ultime notizie su Cronaca

Allerta gialla ancora al Nord

Ancora piogge e temporali al nord , allerta gialla in quattro regioni. Un nuovo impulso perturbato, di origine atlantica, in rapido avvicinamento alle regioni settentrionali del nostro Paese, porterà ancora condizioni di
TornaSu