Quelle segnalazioni per Suviana reclamate dalla Uil. Chi doveva rispondere?

13 Aprile 2024
Lettura 1 min

di Gigi Cabrino – Ci sarebbero state segnalazioni di problemi di sicurezza due anni fa alla centrale idroelettrica di Suviana.
“Due anni fa, tra luglio e settembre, abbiamo segnalato in quella struttura come in altre che c’erano problemi sulla sicurezza”. Lo ha detto il segretario generale della Uil, Pierpaolo Bombardieri, ripreso da La Presse, parlando del disastro alla centrale idroelettrica di Suviana in cui sono morti 3 operai mentre 4 risultano ancora dispersi. “Lo facciamo costantemente su tantissimi posti di lavoro, nello specifico tuteliamo i nostri delegati e rappresentanti della sicurezza, ma siamo pronti a consegnare alla magistratura le documentazioni che abbiamo e le testimonianze delle persone che allora hanno sollevato questi problemi”, ha spiegato Bombardieri a margine dell’assemblea con le lavoratrici e i lavoratori del settore trasporti, all’interno del Deposito Atac di Grottarossa, in via della Stazione di Grottarossa a Roma.

Gigi Cabrino nato a Casale Monferrato (AL) nel 1977, laureato in economia aziendale, in Teologia e specializzato in servizi socio sanitari, padre di quattro figli. Consigliere comunale a Villanova Monferrato per due mandati a cavallo del secolo scorso e a San Giorgio Monferrato dal 2019. Lavoro nella scuola pubblica da alcuni anni come insegnante prima e tra il personale non docente poi. Atleta di fondo e mezzofondo da sempre.

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

FUORVIANTE IL RAPPORTO SPESA SANITARIA-PIL

Prossimo Servizio

Bossi parla e si fa portavoce del malessere del popolo. In fila per salutare il Senatur che dice: “Alla Lega serve un nuovo leader”. Castelli, Grimoldi, Leoni, Bernardelli e Reguzzoni le voci del dissenso a Gemonio

Ultime notizie su Cronaca

Perquisita Fondazione Olimpiadi Milano-Cortina

 Tre affidamenti “opachi” in cambio di soldi e un’auto, il sospetto su altre procedure adottate per la scelta di fornitori e sponsor in campo digitale e per alcune assunzioni di dipendenti della
TornaSu