Parigi, prof decapitato: aveva mostrato le vignette di Charlie Hebdo in aula

Lettura 1 min

Il corpo dell’uomo decapitato ritrovato oggi nei pressi di Parigi è di un insegnante che aveva recentemente tenuto un corso sulla libertà d’espressione e aveva mostrato le caricature di Maometto pubblicate dal settimanale satirico “Charlie Hebdo”.

Lo riferisce il quotidiano “Le Parisien”. Il ministro dell’Interno, Gerald Darmanin, ha interrotto la sua visita in Marocco per rientrare d’urgenza in Francia e recarsi sul posto. Lo riferisce l’emittente televisiva “BfmTv”, spiegando che l’aereo del ministro è gia’ decollato.

Secondo le prime informazioni, i fatti si sono svolti attorno alle 17 davanti ad una scuola nel dipartimento delle Yvelines, nella banlieue parigina. Il presunto omicida, armato di un coltello, ha minacciato le forze dell’ordine, che lo hanno ucciso nel vicino comune di Eragny, ne dipartimento di Val-d’Oise. A quanto scrive le Figaro, la polizia ha poi trovato accanto a lui un corpo DECAPITATO. Gli agenti non hanno potuto avvicinarsi perché l’aggressore portava un giubbotto esplosivo. Ora è in corso un’operazione per disinnescare eventuali esplosivi. La procura antiterrorismo ha aperto una inchiesta per “omicidio in relazione ad una impresa terrorista” e “associazione a delinquere terrorista”.

Secondo la testata francese Le Parisien, la vittima era proprio un insegnante della scuola presso la quale è stato trovato il cadavere e l’assassino era il padre di un suo allievo.

Servizio Precedente

Covid: Sima, al via progetto "Apri" per valutazione rischio contagio al chiuso

Prossimo Servizio

Verso una nuova stretta su eventi e smart working obbligatorio. De Luca, coprifuoco alle 22 per Halloween

Ultime notizie su Cronaca