Anghileri e Villa al Parlamento catalano e alla Diada dell’11 settembre a Barcellona

1 Settembre 2021
Lettura 1 min

di Stefania Piazzo – L’11 settembre è la Diada. L’evento che è la sintesi della persistente richiesta di autodeterminazione del popolo catalano. Milioni di cittadini scendono in piazza per ribadire la richiesta di libertà e massima autonomia. Della Diada in Italia e al Nord se ne parla sempre meno. “Prima” era una bandiera anche in Padania. Oggi sembra essere un ricordo sbiadito, sorpassato dal populismo nazionalista. Lo si è visto negli ultimi tempi anche nel silenzio di chi prima affermava “siamo tutti catalani” e poi davanti alla battaglia politica e giudiziaria che ha colpito esponenti di spicco dell’indipendentismo catalano, ha fatto finta di non vedere.

Ma c’è chi ancora partecipa e vive con entusiasmo all’appuntamento della Diada. Il vicesindaco di Biassono, Alessio Anghileri e Siro Villa, esponente e tra i fondatori dell’associazione culturale La Fara, sono stati invitati da Joan Maria Vallvé i Ribera, già eurodeputato ed esponente di Convergenza Democratica di Catalogna, membro del Parlamento della Catalogna e direttore della Generalitat catalana sotto il governo di Jordi Pujol, all’evento dell’11 settembre. Il giorno prima, venerdì 10, saranno ospiti del parlamento catalano.

Un pezzo di sogno di Padania nella terra dove i sogni, lottando, diventano possibili. Entro il 2030 infatti potrebbe tenersi un nuovo referendum per l’indipendenza, concordato con Madrid. Di certo, le rivoluzioni non nascono da sole ma camminano sulle gambe degli uomini. Mai gratis e senza scorciatoie del consenso facile.

Siro Villa, socio fondatore dell’associazione culturale La Fara

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

Flop no vax a Roma e Torino

Prossimo Servizio

Lega vota contro Green pass. La “mina” Borghi spacca la maggioranza

Ultime notizie su Cronaca

Terremoto di 4.8 tra Toscana e Romagna

 Un terremoto di magnitudo Richter 4.8 è stato localizzato dalla Rete Sismica Nazionale dell’ Ingv alle ore 5.10 italiane del 18 settembre 2023 nella provincia di Firenze, ad una profondità di 8.4 km. Lo riporta
TornaSu