Allerta arancione per il Po. Dopo il tratto cremonese e piacentino si attende domani l’onda più insidiosa nel Delta ferrarese

2 Aprile 2024
Lettura 1 min

 Le piogge dei giorni scorsi e l’apporto degli affluenti emiliani e lombardi hanno portato a un incremento dei livelli del Po nel suo tratto mediano, col superamento nella mattinata di oggi della prima soglia di criticità (ordinaria, colore giallo) a Piacenza e Casalmaggiore.

L’avviso arriva dall’AiPo, l’Agenzia interregionale del “grande fiume” secondo cui, in base alle previsioni, “la piena si attesterà su questi valori nell’arco delle prossime 24-36 ore (a partire dalle 12 di oggi) lungo il tratto fluviale a valle di Piacenza, mentre nelle ore a seguire sarà possibile il superamento della seconda soglia di criticità (moderata, colore arancione) nei rami del Delta”. Gli uffici centrali e territoriali di AiPo sono attivi seguono l’evoluzione della piena e monitorano lo stato delle opere idrauliche di competenza, in coordinamento con gli enti dei sistemi locali e regionali di protezione civile. 

È circoscritta quindi alla costa ferrarese l’ Allerta arancione diramata dall’Agenzia emiliano-romagnola per l’ambiente e dalla protezione civile per tutta la giornata di mercoledì 3 aprile, a partire da questa mezzanotte. Il maltempo almeno al momento è archiviato ma da monitorare è il transito della piena del Po. Sulla pianura emiliana invece l’alert è giallo, per la propagazione della piena del Secchia. I fiumi risultano entrambi ingrossati dopo le abbondanti piogge della settimana di Pasqua. Il passaggio delle piene potrebbe tradursi in particolare in una criticità idraulica nell’area del Delta. 

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

Fuga dalla sanità italiana. Lombardia cerca infermieri in Argentina e Paraguay. Il viaggio di Bertolaso

Prossimo Servizio

Ponte Stretto, lo scoglio degli espropri per 10mila persone

Ultime notizie su Cronaca

TornaSu