Zaia cala l’asso, 2 milioni di mascherine in regalo Made in Veneto. Ed è standing ovation.

18 Marzo 2020
Lettura 1 min

di Riccardo Rocchesso – Luca Zaia, passata la tempesta delle dichiarazioni sui gusti alimentari cinesi , dopo i tamponi a tappeto cala l’asso: 2 milioni di mascherine in regalo ai Veneti, realizzate dall’azienda Grafica Veneta di Trebaseleghe con tanto di logo Regione Veneto in evidenza. Da Doge a Deus Ex Machina!

L’iniziativa, molto utile in questo periodo di quarantena, ma anche molto furba a livello di marketing, ha risollevato definitivamente l’immagine mediatica di Luca Zaia, duramente attaccato dopo le dichiarazioni sulla Cina e sui topolini mangiati vivi.

In un momento politico in cui la Lega sembra essere l’unico partito ad accusare il colpo Coronavirus, con la situazione non certo aiutata lunedì, quando l’hashtag #SalviniVergognati è stato al primo posto per quasi tutta la giornata su Twitter, Zaia compie il miracolo per il suo popolo, dando così la spallata definitiva (se mai ce ne fosse stato bisogno) ai concorrenti per le future elezioni regionali per il Veneto (con data da definire a questo punto).
Se si votasse oggi, probabilmente sarebbe un plebiscito per lui grazie alle “mascherine miracolose”, anche se, come dichiarato in conferenza stampa, non proteggono al 100% anzi, forse neanche al 50% a causa dei tessuti utilizzati, ma non facciamo i polemici… è un regalo alla fine. 

Qui il Video della Conferenza di Luca Zaia che presenta l’iniziativa insieme a Franceschi AD di Grafica Veneta. 

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

Avanti così, la Germania rischia 10 milioni di casi

Prossimo Servizio

E stanziano 100 euro per chi deve lavorare in sede e rischia il coronavirus. Contagiando la famiglia che #iorestoacasa

Ultime notizie su Politica

Amnistia per gli indipendentisti catalani, ora è legge

Gli avvocati difensori di 36 dirigenti del partito della Sinistra repubblicana catalana (Erc) condannati o processati per reati collegati al processo indipendente in Catalogna hanno sollecitato oggi l’applicazione dell’amnistia. Secondo fonti giuridiche citate
TornaSu

Don't Miss