VIDEO – Seconda operazione per Alex Zanardi. Condizioni restano gravi

29 Giugno 2020
Lettura 1 min

Nuovi sviluppi nella fase ospedaliera di Alex Zanardi. Il campione è stato sottoposto a un secondo intervento di neurochirurgia. Lo rende noto l’ospedale senese Le Scotte dove il pilota bolognese è ricoverato dal 19 giugno dopo l’incidente con l’handbike a Pienza durante una manifestazione non agonistica.

L’operazione è durata circa 2 ore e mezza, poi il paziente è tornato in terapia intensiva “dove resta sedato e intubato: le sue condizioni rimangono stabili dal punto di vista cardio-respiratorio e metabolico, gravi dal punto di vista neurologico, la prognosi rimane riservata”.

Ma i sanitari hanno specificato che l’intervento è stato effettuato a seguito di una tac di controllo, dopo che si è “evidenziata un’evoluzione dello stato del paziente che ha reso necessario il ricorso ad un secondo intervento di neurochirurgia”. “L’intervento effettuato – spiega il direttore sanitario dell’Aou Senese Roberto Gusinu – rappresenta uno step che era stato ipotizzato dall’équipe. I nostri professionisti valuteranno giorno per giorno l’evolversi della situazione, in accordo con la famiglia il prossimo bollettino sarà diramato tra circa 24 ore”, come viene spiegato nel video comunicato.

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

Na gita a li Castelli – Nanni’

Prossimo Servizio

La scuola dell’Azzolina è diventata un avatar. Presenza in assenza

Ultime notizie su Veneto

Maltempo, non è finita. Zaia: Non uscite di casa

 Questa mattina c’è stata un’attenuazione dei temporali, ma poi ha ripreso a piovere ei modelli previsionali dicono “che non è ancora finita”: in Veneto è atteso per oggi un nuovo bollettino “importante”

Il Veneto perderà 150mila lavoratori

 Tra il 2021 e il 2030 la popolazione in età lavorativa (15-64 anni) del Veneto è destinata a scendere di oltre 150.000 unità (-4,9%). Nessun’altra regione italiana del Centro-Nord dovrebbe subire una
TornaSu