Il sistema portuale veneto il più resiliente d’Europa. Perso solo l’8% del traffico

5 Ottobre 2020
Lettura 1 min

Il Covid ha dato un duro colpo al commercio. Certo, ma a fronte di una deriva quasi europea il Veneto riesce a resistere, meglio, rispetto ad altri. “Durante la crisi covid, a fronte di una perdita della portualità nazionale di 11,5% di traffico globale, noi abbiamo perso solo 8%. E’ un dato significativo che dice tanto, dice che siamo il sistema portuale più resiliente, che copriamo tutte le tipologie di traffico, che abbiamo capacità di compensare e caratteristiche che pochi porti italiani hanno”. Lo ha detto Pino Musolino, come riporta adnkronos, commissario straordinario dell’autorità di sistema portuale del mare Adriatico settentrionale alla conferenza stampa sul bilancio di mandato 2017-2020. “Nel bene e nel male – ha aggiunto Musolino – abbiamo permesso che l’economia della regione Veneto sia stata sostenuta dalla tenuta complessiva delle economie dei porti di Venezia e Chioggia”.

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

L’Europa si blinda. Parigi chiude i bar

Prossimo Servizio

Repubblica: “Di Rubba? Non chiamatelo commercialista. Per magistrati revisore conti Senato non ha conseguito il titolo”

Ultime notizie su Economia

Verso la riforma fiscale. Sanzioni dal 240 al 120%

Sanzioni dimezzate, dall’attuale 240% al 120%; introduzione del principio di proporzionalità rispetto al tipo di omissione o illecito commesso dal contribuente, con l’introduzione di un parametro di riferimento fissato al 70%. Arriva

Il governo, redditometro atto dovuto

“Era un atto dovuto, una misura su cui si è soffermata la Corte dei Conti, che sottintendeva anche un possibile danno erariale per la mancata adozione dei criteri induttivi, sospesi dal 2018,
TornaSu