Lega: fondi russi, Procura Milano chiede terza proroga indagini

Lettura 1 min

Per la terza volta la Procura di Milano ha chiesto una proroga di sei mesi per proseguire le indagini nei confronti dell’ex portavoce di Matteo Salvini e presidente dell’associazione LombardiaRussia Gianluca Savoini, dell’avvocato Gianluca Meranda e dell’ex banchiere Francesco Vannucci, indagati dal luglio 2019 per corruzione internazionale nella vicenda sui presunti fondi russi alla Lega. Ora la decisione passa al gip Alessandra Clemente che ha gia’ concesso la proroga nelle due occasioni precedenti. L’inchiesta dell’aggiunto Fabio De Pasquale insieme ai pm Spadaro-Ruta-Costa (a giugno lasceranno la Procura di Milano per passare a quella europea, ndr) e’ stata avviata in seguito alla pubblicazione di un audio con al centro la trattativa, poi non finalizzata, andata in scena al Hotel Metropol di Mosca il 18 ottobre 2018 tra i tre indagati italiani e tre intermediari russi, tra cui Ilya Andreevich Yakunin e Andrey Yuryevich Kharchenko.

Durante quell’incontro i protagonisti, stando alla registrazione agli atti dell’inchiesta, avrebbero discusso su un accordo riguardante la compravendita di gasolio del valore di un miliardo e mezzo di dollari che avrebbe avuto come obiettivo quello di destinare una percentuale pari al 4 per cento, equivalente a circa 65 milioni di dollari, nelle casse del Carroccio. Soldi che sarebbero serviti – secondo la tesi dell’accusa – per finanziare la campagna elettorale del partito alle elezioni europee del 2019.

Servizio Precedente

MARINO (PFIZER), "ENTRO NOVEMBRE VACCINO PER NEONATI E FINO A 11 ANNI"

Prossimo Servizio

Studio italiano: anticorpi durano per 8 mesi

Ultime notizie su Politica

LIBERI!

Sono stati scarcerati gli indipendentisti catalani ai quali il governo spagnolo ha…