E Trento e Bolzano: stop tasse a Roma per curare il virus. Mentre la Lombardia conta i tamponi

/
Lettura 1 min

di Luigi Basso – I capitani veri si vedono nel momento della tempesta e della difficoltà: il vecchio detto si dimostra sempre vero.
Arno Kompatscher e Maurizio Fugatti, rispettivamente Presidente della Provincia Autonoma di Bolzano e di Trento, hanno chiesto al Governo, consensualmente, di sospendere il Patto di Garanzia e quel che restava dell’accordo di Milano per poter fronteggiare la crisi innescata dall’epidemia del Coronavirus.
In estrema sintesi si tratta delle leggi che vincolano le due Province Autonome a contribuire al fabbisogno di Roma in misura pari, grosso modo, a 1 miliardo di euro l’anno.
In questo modo i due Presidenti programmano di destinare il risparmio di spesa a contrastare efficacemente l’emergenza.
Seguiremo gli sviluppi della faccenda, in primis perché siamo molto legati a quelle terre ed a chi le abita.


In ogni caso, qualunque cosa accadrà, i Presidenti delle altre Regioni, invece di incartarsi sulle date di apertura dei negozi (come se fossero ridotti al ruolo di uscieri e scaglionatori di code al supermercato), o contare i tamponi non fatti (vedi la Lombardia) dovrebbero svegliarsi e prendere esempio da Kompatscher e Fugatti ed agire finalmente concretamente ed in modo incisivo a favore dei loro concittadini.

Servizio Precedente

La Giovanna d'Arco bergamasca rivive a Caravaggio

Prossimo Servizio

Quando la povertà va all'asta. E rende più di un miliardo l'anno

Ultime notizie su Opinioni