La Ragioneria di Stato – “Quei 1,42 miliardi di euro per allineare i Lea non siano spesi per fare altro”

4 Aprile 2024
Lettura 1 min

“Si chiede al ministero della Salute, in occasione del riparto delle disponibilità finanziarie del Ssn per l’anno 2024, e per i successivi anni, di rendere indisponibili le risorse preordinate all’entrata in vigore delle nuove tariffe e quelle per l’aggiornamento dei Lea, pari a 631 milioni di euro per l’anno 2024 ea 781 milioni di euro a decorrere dal 2025, fino all’effettivo utilizzo delle risorse per le finalità indicate dalle norme. previsti ed evitare di coprire inefficienze regionali”. E’ questa la richiesta della Ragioneria dello Stato inviata al ministero della Salute. E’ contenuto in un documento del 26 marzo scorso in cui sono raccolte alcune osservazioni riguardanti alla proroga al primo gennaio 2025 per l’entrata in vigore del nuovo nomenclatore tariffario per la specialistica ambulatoriale e protesica, che poi ha ricevuto il via libera dalla Stato- Regioni.

Osservazioni che sono dunque cadute nel vuoto, perché lo slittamento delle nuove tariffe Lea ormai è cosa fatta. La Ragioneria dello Stato, che in sostanza bocciava la nuova proroga, nello stesso documento ha ricordato i 3,4 miliardi di euro già erogati per le nuove tariffe e quelle per l’aggiornamento dei Lea. “Tali finanziamenti, assegnati alle regioni, in mancanza di provvedimenti attuativi sono stati comunque utilizzati dalle regioni per coprire altre occorrenze della spesa sanitaria e soprattutto inefficienze/squilibri dei loro servizi sanitari. Forse questo è il principale motivo per la richiesta di proroga da parte regionale “, ha spiegato la Ragioneria dello Stato. Da qui la sottolineatura che “i finanziamenti preordinati per l’erogazione dei Lea vanno preservati da altri utilizzi che determinano maggiore spesa sanitaria pubblica non in linea con la programmazione sanitaria nazionale”.

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

Confindustria, dopo Bonomi pronto Orsini

Prossimo Servizio

Molise, al concorso di emergenza-urgenza per medici non si presenta nessuno

Ultime notizie su Economia

Verso la riforma fiscale. Sanzioni dal 240 al 120%

Sanzioni dimezzate, dall’attuale 240% al 120%; introduzione del principio di proporzionalità rispetto al tipo di omissione o illecito commesso dal contribuente, con l’introduzione di un parametro di riferimento fissato al 70%. Arriva

Il governo, redditometro atto dovuto

“Era un atto dovuto, una misura su cui si è soffermata la Corte dei Conti, che sottintendeva anche un possibile danno erariale per la mancata adozione dei criteri induttivi, sospesi dal 2018,
TornaSu