Fornero canta vittoria. Via Ape sociale e Opzione donna. Ma non volevano abolire la legge della prof? Solo in campagna elettorale, per chi ci credeva

17 Ottobre 2023
Lettura 1 min

Volevano abolire la Fornero, hanno fatto guerre di religione contro la sua riforma previdenziale, per arrivare dove? Per arrivare alla fine di quota 103, Opzione donna e Ape sociale.  Quando si dice, la coerenza. E la propaganda elettorale…

Il governo premia chi lavora dopo i 75 anni, e alle fasce più critiche di lavoratori, come le donne, che hanno percorsi lavorativi accidentati e con buchi contributivi che non dipendono dalla loro volontà, si alzano i requisiti. Idem ai cargiver. Non si potrà più andare in pensione con 41 anni di contributi e 62 di età (quota 103).

Sarà introdotto un Fondo per la flessibilità in uscita per l’accesso alla pensione con 63 anni di età e 36 di contributi per i caregiver, i disoccupati, coloro che sono impegnati nei lavori gravosi, i disabili e per le donne, “come prevedeva Opzione donna – ha spiegato Meloni – con 35 anni di contributi”.

Per le donne si alza il requisito anagrafico, ora a 60 anni con Opzione donna. Nei fatti, si tiene fuori dall’accesso alla pensione i disoccupati, i caregiver e i disabili che oggi con l’Ape sociale hanno accesso a un ammortizzatore di accompagnamento alla pensione (che non è però la pensione vera e propria) con 30 anni di contributi.  

Volevano abolire la Fornero, stanno facendo molto, molto più di quanto immaginasse la professoressa Elsa Fornero.

Infatti ecco come commenta.  “Quello che mi sembra chiaro è che la rinuncia a cancellare la riforma del 2011 è esplicita. Ha voglia Salvini a parlare di obiettivo di legislatura, su certe cose non si torna indietro: con la demografia che abbiamo davanti a noi è importante mantenere le cose. Quanto detto ieri dal governo affossa definitivamente la pretesa di cancellare questa riforma”. Così l’ex ministra del Lavoro del governo Monti, parlando con LaPresse delle misure sulle pensioni previste dall’esecutivo Meloni. 

credit foto j-w-E8cenvOOpHQ-unsplash

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

Film Commission, escono le motivazioni della sentenza di condanna di Di Rubba

Prossimo Servizio

Olimpiadi Milano-Cortina, Zaia: Veneto penalizzato, ripensare ad assegnazione discipline olimpiche

Ultime notizie su Economia

CNA: IL TAGLIO DEI TASSI NON BASTA ANCORA

di Gigi Cabrino – Gli imprenditori di CNA da tempo attendevano un’inversione di tendenza nella politica monetaria della BCE e il taglio dei tassi della settimana scorsa è stato accolto positivamente; tuttavia
TornaSu