“Vento di cambiamento”, il libro di Marco Reguzzoni. “Passare dallo scontento alla gioia attraverso una nuova Europa”

20 Gennaio 2024
Lettura 1 min

«A molti sembra che viviamo in un mondo al contrario, così gli stolti e gli ignoranti vorrebbero ribaltarlo o tornare indietro. Invece occorre andare avanti, partendo dalle nostre radici». Marco Reguzzoni immagina un vento di cambiamento e lo disegna dentro «un libro dedicato ai giovani europei, che meritano più del futuro pensato per loro da banche e governi. Ci vogliono togliere identità e sogni, che compongono l’ossigeno di cui ogni società ha bisogno per respirare: per spazzare via l’aria mefitica deve tornare a soffiare forte il vento del cambiamento. Non è facile ma neanche impossibile. Il primo fondamentale passo è comprendere il mondo in cui viviamo, le logiche del potere che lo sostengono e come ci indeboliscono colpendo la nostra forza economica, sociale e culturale, togliendoci il lavoro. L’obiettivo è fermare il decadimento della nostra civiltà passando dallo scontento alla gioia, attraverso la realizzazione di una nuova Europa, liberale e federalista».

Marco Giovanni Reguzzoni, classe 1971, imprenditore, è stato presidente della Provincia di Varese dal 2002 al 2008 e capogruppo della Lega Nord alla Camera dei deputati fino al 2012, anno in cui ha abbandonato ogni carica politica. Laureato in ingegneria gestionale presso il Politecnico di Milano, sposato con Elena, ha due figlie: Carolina e Beatrice. Nell’ottobre 2023 si è nuovamente laureato in Sviluppo Economico e Relazioni Internazionali presso la Facoltà di Scienze Politiche dell’Università di Pavia con tesi dal titolo “Europa o fine della civiltà?”. È il fondatore di «Volandia», Parco e Museo del Volo vicino a Malpensa.

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

Sud chiama Nord, Laura Castelli: Bene Pd e M5S su dialogo costruttivo con noi in Sicilia

Prossimo Servizio

Gadda (IV), sulle tasse è il Governo del “vorrei ma non posso”

Ultime notizie su Cultura

Ci sono Savoia e Savoia….

di Roberto Gremmo – Con tutto il rispetto per il defunto, non credo meriti particolare omaggio il discendente dei Savoia Carignano (ramo cadetto della dinastia). Quando morì Umberto secondo noi autonomisti piemontesi
TornaSu