UE: FOCUS SUL CONTRASTO ALLA FUGA DI CERVELLI E AIUTI DI STATO. CI PENSA ENRICO LETTA

5 Gennaio 2024
Lettura 1 min

di Gigi Cabrino – Un ex primo ministro italiano al quale l’ UE ha assegnato l’obiettivo di frenare un fenomeno tutto italiano ma, a quanto pare, anche europeo: la fuga di cervelli.
Enrico Letta è stato incaricato dalla commissione europea di stilare un rapporto sullo stato del mercato unico e la circolazione di capitale umano rientra a pieno titolo in questo discorso, tanto che l’accento verrà posto nei prossimi mesi sul contrasto alla fuga di cervelli.
Eunews riprende un’ intervista di Letta a Politico.
Un fenomeno, quello dell’emigrazione di massa di giovani qualificati, che l’Italia condivide con i Paesi meridionali e orientali del blocco: nel 2021, il 27 per cento di chi ha lasciato il proprio Paese per lavoro veniva dalla Romania, il 12 per cento dalla Polonia e il 10 per cento dall’Italia.

In un’intervista rilasciata alla testata Politico, l’ex segretario del Partito Democratico, ora presidente dell’Istituto Jacques Delors, ha riassunto il suo compito con uno slogan: “Finora abbiamo avuto il mercato unico come libertà di movimento. Questo era il centro di tutto. Io vorrei aggiungere la libertà di restare“, ha dichiarato.
Perché la mobilità garantita dal mercato unico e dallo spazio Schengen offre delle opportunità straordinarie, ma contemporaneamente indebolisce le regioni più in difficoltà. Secondo i dati Istat, tra il 2011 e il 2021 sarebbero stati 377 mila gli italiani tra i 20 e i 34 anni a emigrare verso i Paesi Ue economicamente più solidi. E a livello europeo sono sempre di più i giovani altamente qualificati a fare la valigia: nel 2021, il 32 per cento dei cittadini europei che hanno lasciato il proprio Paese d’origine erano in possesso di un alto livello d’istruzione, in crescita rispetto al 28 per cento del 2016.


Per invertire questa tendenza, il Consiglio europeo del 29-30 giugno 2023 ha chiesto che fosse redatta “una relazione indipendente di alto livello sul futuro del mercato unico da presentare nella riunione del marzo 2024”. E ha poi scelto Enrico Letta per l’incarico.
La prossima primavera, dopo un tour delle capitali europee, l’ex premier indicherà le opportunità di revisione del mercato unico. Non solo le misure per impedire ai Paesi più poveri di veder scappare i propri giovani, ma anche le regole europee sugli aiuti di Stato.


Letta ha chiarito che “gli aiuti di Stato sono un’eccezione e devono rimanere tali”. Perché negli ultimi anni, a causa della pandemia, della guerra della Russia in Ucraina e della crisi energetica, Bruxelles ha allentato le regole che disciplinano sui sussidi statali di emergenza, finendo per acuire le distanze tra i Paesi più deboli e le economie più potenti, come la Germania. Degli aiuti di Stato notificati alla Commissione europea dai 27 Stati membri, nell’ambito del Quadro temporaneo di crisi, ben il 47,2 per cento erano destinati alle aziende tedesche.

Gigi Cabrino nato a Casale Monferrato (AL) nel 1977, laureato in economia aziendale, in Teologia e specializzato in servizi socio sanitari, padre di quattro figli. Consigliere comunale a Villanova Monferrato per due mandati a cavallo del secolo scorso e a San Giorgio Monferrato dal 2019. Lavoro nella scuola pubblica da alcuni anni come insegnante prima e tra il personale non docente poi. Atleta di fondo e mezzofondo da sempre.

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

Giorgia, sempre più premier. Che piaccia o no. “Non sono ricattabile, scelgo sempre liberamente”

Prossimo Servizio

Renzi: Il problema di Meloni è la squadra debole

Ultime notizie su Cultura

Ci sono Savoia e Savoia….

di Roberto Gremmo – Con tutto il rispetto per il defunto, non credo meriti particolare omaggio il discendente dei Savoia Carignano (ramo cadetto della dinastia). Quando morì Umberto secondo noi autonomisti piemontesi
TornaSu