Vietato guardarsi in faccia sui mezzi pubblici: arriva il “distanziamento verticale”

Lettura 1 min

Come riporta oggi un articolo dell’#HuffingtonPost, caduto il distanziamento orizzontale, ossia l’obbligo di mantenere la distanza di un metro dagli altri passeggeri, arriva il “distanziamento verticale”.

E’ sicuramente passata inosservata questa norma tra le moltissime notizie sui comportamenti da tenere per evitare il contagio da Covid-19, ma da luglio, a Torino è vietato guardarsi in faccia sui mezzi pubblici. La misura appunto ricade in quello che è definito “distanziamento verticale”.

L’azienda locale dei trasporti GTT spiega così: “Particolare attenzione è posta al ‘distanziamento verticale’ per cui occorre evitare di trovarsi faccia a faccia con gli altri passeggeri”. “La maniera migliore per osservare questa modalità di prevenzione è rivolgere sempre lo sguardo verso i finestrini dei mezzi”. (red)

https://www.huffingtonpost.it/amp/entry/vietato-guardarsi-in-faccia-sui-mezzi-pubblici-arriva-il-distanziamento-verticale_it_5f2e63b8c5b6b9cff7f2437b/?__twitter_impression=true&fbclid=IwAR0-q_6YpTxJX9gZ6x3fxfBwrvj2fbMuBPD4Hmci3CmbbC1J9eWOibR90DM

Servizio Precedente

Anche la NASA segue i BLM. Tolte le parole "Eskimo" e "Siamese" dalle stelle

Prossimo Servizio

La sanità sul territorio, quella che ci deve difendere dal Covid... e non solo

Ultime notizie su Cronaca