Caso LFM, Salvini: “Di Rubba e Manzoni persone perbene. Uno con i suoi soldi può comprarsi la casa dove vuole o sul lago di Garda?”

30 Ottobre 2020
Lettura 1 min

I consulenti vicini alla Lega, Alberto Di Rubba e Andrea Manzoni, ai domiciliari nell’ambito dell’indagine milanese sulla Lombardia Film Commission, “continuo a ritenerli persone oneste e perbene”.

Lo ha detto il leader della Lega, Matteo Salvini, sollecitato dai giornalisti al termine di un’udienza al Tribunale di Milano (nella quale ha testimoniato in un processo per diffamazione e minaccia), rispondendo a chi gli chiedeva se si fida ancora dei due commercialisti, che hanno ricoperto rispettivamente ruoli nel Carroccio alla Camera e al Senato.

“Voglio vedere come andra’ a finire quell’inchiesta. Aspettiamo la fine e vediamo chi sara’ condannato e chi sara’ assolto”, ha considerato Salvini, che ha lanciato una provocazione: “Uno con i suoi soldi puo’ comprarsi la casa dove vuole o sul lago di Garda?”.

Al momento i due consulenti, che risultano ancora in carica, a dire del senatore, non si occupano pero’ piu’ dei bilanci del partito: “Ora c’e’ una societa’ esterna che certifica i nostri bilanci”.

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

Napoli, l’infermiera positiva abbandonata dall’Asl: “Irraggiungibile. Il tampone? privatamente”

Prossimo Servizio

I nodi vengono al pettine. L’Asl di Napoli richiama anestesisti in pensione

Ultime notizie su Cronaca

Perquisita Fondazione Olimpiadi Milano-Cortina

 Tre affidamenti “opachi” in cambio di soldi e un’auto, il sospetto su altre procedure adottate per la scelta di fornitori e sponsor in campo digitale e per alcune assunzioni di dipendenti della
TornaSu

Don't Miss