Cristiani perseguitati più che nell’antica Roma

Lettura 3 min

di Marcus Dardi – La festa più importante per i cristiani di tutto il mondo, è sicuramente il Natale. Per la sua gioia e l’allegria che contagia è, a detta di molti più sentita e vissuta della Pasqua.

Proprio in questo periodo natalizio il “Sommo Pontefice Vescovo di Roma” lancia un allarme tristissimo. La persecuzione contro i cristiani, nel mondo, è in drammatico aumento, le vittime superano i 260 milioni, più che nell’antica Roma di Nerone, Diocleziano e Decio messe insieme.

L’appello è stato lanciato da Papa Francesco nel giorno dedicato alla memoria di Santo Stefano, primo martire cristiano lapidato sulla porta di Gerusalemme.

Il discorso del Papa è stato impostato tutto sull’esaltazione del simbolo del martirio, parlando di Santo Stefano Papa Francesco dice: “È il primo martire, cioè testimone, il primo di una schiera di fratelli e sorelle che continuano a portare luce nelle tenebre: persone che rispondono al male con il bene, che non cedono alla violenza e alla menzogna, ma rompono la spirale dell’odio con la mitezza dell’amore”

Chi non è religioso di professione però non capisce e si chiede il motivo di tutto questo odio? E’ per colpa della politica, dell’economia, di una distorta cultura o per creare caos?

Dal 1955 l’L’associazione no-profit Open Doors si occupa di questo problema e nel suo rapporto annuale “World Watch List” parla anche di questo tristissimo problema.

In base ai dati raccolti su 150 Paesi indagati, in ben 73 nazioni i cristiani subiscono regolarmente delle persecuzioni nelle varie sfere della loro esistenza quotidiana: sul lavoro, nel privato, nella vita di comunità e anche a scuola.

La world watch list del 2018 ha redatto la lista dei Paesi più agguerriti contro i cristiani e nei primi 15, in ordine, troviamo: La Corea del Nord, l’Afganistan, la Somalia, la Libia, il Pakistan, l’Eritrea, il Sudan, lo yemen, l’Iran, l’India, la Siria, la Nigeria, L’Arabia Saudita, l’Iraq e l’Egitto.

Per quanto riguarda gli assassinii a danno dei cristiani invece, il triste record negativo appartiene alla Nigeria.

Open Doors ha una sede anche in Italia e si chiama Porte Aperte Italia.

Se il cristianesimo ci insegna a porgere l’altra guancia, il comune buon senso ci spinge, nel XXI secolo, a invocare una forte presa di posizione in difesa di questa “nuova strage degli innocenti”.

Ricordo che la preghiera più importante per i cristiani, il Padre Nostro, finisce con queste parole “Libera nos a malo”, in italiano, liberaci dal male.

Ricordiamo inoltre che Gesù, nella sua lingua madre, l’aramaico, amava dire “Marana Tha” che in italiano significa “Vieni Signore”

Photo by Latrach Med Jamil 

Servizio Precedente

Messina 1908-2020. 112 anni di post-baraccopoli. L'Italia del provvisorio definitivo

Prossimo Servizio

Ancora polemiche sui social - Salvini in abiti da City Angels, la foto tra amici con Furlan

Ultime notizie su Cronaca