Coronavirus nel cibo congelato importato. La Cina ferma salmone russo e pesce indiano

Lettura 2 min

La Cina ha segnalato due nuovi casi di merci di importazione della catena del freddo contaminate da coronavirus. Due confezioni di pesce congelato proveniente dall’India e una di salmone dalla Russia sono risultati positivi. Il lotto di pesce indiano è entrato nel paese nel porto di Fuzhou, nella provincia del Fujian, nella Cina orientale. Domenica 15 novembre ne sono stati trasportati un totale di 2.500 pacchi in una cella frigorifera. Secondo il Centro cinese per il controllo e la prevenzione delle malattie, 2.117 pezzi sono ancora in magazzino e 383 pezzi sono stati venduti. Tutti i prodotti correlati sono stati sigillati e non sono entrati nel mercato. Sempre oggi, l’Amministrazione generale delle dogane cinese ha annunciato che il test dell’acido nucleico su un campione di confezionamento di salmone congelato importato dalla Russia è risultato positivo. In conformità con le disposizioni, le autorità doganali sospenderanno i prodotti ittici dal relativo peschereccio russo per una settimana.

La scorsa settimana la Cina aveva già segnalato due casi di prodotti congelati importati contaminati da coronavirus, uno a Sishui, nella provincia orientale cinese dello Shandong, e l’altro a Xi’an, nella provincia nord-occidentale dello Shaanxi, spingendo il numero di contaminazioni da virus della catena del freddo ad almeno dieci regioni provinciali del paese da giugno. I 109 prodotti legati alla carne di maiale infetta importata dall’Argentina a Xi’an sono stati sigillati prima che potessero entrare nel mercato, con 18 contatti stretti tracciati e posti sotto osservazione medica, con test dell’acido nucleico risultati negativi. Da giugno, più di dieci province e città tra cui Pechino, Liaoning, Anhui, Fujian e Jiangxi hanno scoperto campioni positivi al coronavirus prelevati da alimenti congelati o imballaggi alimentari importati. Il 13 novembre, la contea di Liangshan nella provincia dello Shandong, ha riferito che l’imballaggio di un lotto di carne bovina congelata importata e’ risultato positivo al virus. Anche Wuhan, la città da cui è originata la pandemia in Cina, ha riferito di coronavirus sulla carne bovina importata. 

Photo by Caroline Attwood

Servizio Precedente

Calabria Felix - Si dimette anche il terzo commissario alla sanità, Gaudio: "Mia moglie non vuole trasferirsi a Catanzaro"

Prossimo Servizio

Friuli, l'identità in cerca di autore