Autobus Mestre, la Procura ricostruisce la tragedia. A Venezia bandiere a lutto

4 Ottobre 2023
Lettura 2 min

“Stiamo lavorando alla ricostruzione anzitutto delle modalità del fatto. Non abbiamo ancora finito perché stiamo continuando a fare gli accertamenti di medicina legale sui cadaveri”. Così il Procuratore di Venezia, Bruno Cherchi, con i giornalisti, sull’incidente di Mestre. Ci sono 21 morti, 15 feriti, qualcuno molto grave. “I carabinieri stanno sentendo i feriti non gravi, coloro che sono fuori Venezia. Quelli a Venezia li ha sentiti la Polizia Municipale. Naturalmente abbiamo operato sui feriti che in qualche maniera erano reattivi ad un esame, seppur molto soft. Molti dei feriti, infatti , sono in condizioni molto gravi – ha aggiunto il procuratore – e sono in terapia intensiva o sottoposti ad interventi medici e naturalmente non abbiamo disposto niente su questi, verranno sentiti successivamente tutti quanti”. Le indagini sulla ricostruzione del fatto sono in corso. 

Sono emersi alcuni particolari che allo stato sono certi: “L’impatto del pullman è intervenuto una cinquantina di metri prima del punto dove c’è stata la rottura del guardrail, qualora non si abbia la certezza dell’attribuzione salma-nominativo. I medici di medicina legale e la polizia scientifica per l’aspetto riscontri papillari sono già sul posto. “Speriamo che nell’arco della giornata, massimo domani mattina, si riesca a liberare tutte le salme. 8 mi pare siano sicuramente riconosciute, però c’è qualcuna che non è stata ancora riconosciuta. Qualora non fosse possibile come ho detto proveremo con il DNA.

 Qualcuno ha i parenti presenti perché avevano un campeggio nella zona di Venezia o Mestre, con quelli sarà più semplice il riconoscimento. In questo frangente stiamo facendo tutto il necessario per avere tutti gli elementi per eventuali ulteriori attività. Vedremo poi sé e per quanti procedere ad autopsia” ha proseguito Cherchi. Il procuratore ha poi riferito che per il momento c’è un’attività di accertamento esterno dei cadaveri perché “valuteremo se è necessario fare l’autopsia o, se non è necessario , come è andata e le modalità del fatto sono accertati, quindi che ci sia un rapporto causale tra l’incidente, la caduta, e la morte mi pare sicura”. “Ci potrebbe essere un problema a capire se la morte è avvenuta per politraumatismo oppure se invece c’è stato qualche altro fattore. Però siccome i morti sono tanti, non possiamo neanche trattenere tutte queste salme se non c’è un motivo specifico per le indagini”. Verrà invece fatta l’autopsia dell’autista e si stanno facendo degli accertamenti di rito sul cellulare, per ricostruire in maniera quanto più certa e sicura i fatti. “A breve avremo anche la velocità del mezzo, però posso già dire che da testimonianze che abbiamo avuto da soggetti all’interno dell’autobus che è stato possibile sentire sia dagli esterni, il mezzo andava lentamente. D’altra parte è un punto in salita. Abbiamo un problema per le batterie di litio che per il momento sono state sequestrate, facciamo degli accertamenti, però è necessario operare in sicurezza, quindi sono rimandati. Domani consegneremo la disposizione sull’autopsia ai medici legali per quanto riguarda il cadavere. Abbiamo comunque aperto un fascicolo contro ignoti – ha concluso il procuratore – per omicidio plurimo stradale. Su questa base procedere come il codice di procedura penale prevede, a tutte le comunicazioni, nella fattispecie alla famiglia dell’autista”.

Credit foto Comune Venezia pagina facebook 386256607_742434444580069_427572958789536228_n

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

Tragedia Mestre. Occhi sul guardrail. Salvini invece si interroga sulle batterie che hanno preso fuoco

Prossimo Servizio

Occupazione avanti piano pianino… Confcommercio: troppo poche le donne che trovano lavoro

Ultime notizie su Veneto

Maltempo, non è finita. Zaia: Non uscite di casa

 Questa mattina c’è stata un’attenuazione dei temporali, ma poi ha ripreso a piovere ei modelli previsionali dicono “che non è ancora finita”: in Veneto è atteso per oggi un nuovo bollettino “importante”
TornaSu

Don't Miss