Ultimatum ministri Italia Viva: Se non sparisce Task Force pronte dimissioni Bellanova e Bonetti

9 Dicembre 2020
Lettura 1 min

“Se non si ritira la TASK FORCE, io e la ministra Bellanova pronte alle dimissioni. Per essere al servizio dell’Italia serve collaborazione per progetti concreti di rilancio. Ma serve farlo con il governo. Io ho giurato sulla Costituzione italiana, che prevede un processo democratico che deve essere tutelato. Nel momento in cui non fossi messa nelle condizioni di rispettare questo giuramento, anche per coscienza personale, sì sarei pronta anche a dimettermi”. Così la ministra delle Pari opportunità Elena Bonetti (Italia Viva) a ‘The Breakfast Club’ su Radio Capital. “Il Recovery plan definirà la vita degli italiani per i prossimi 30 anni ed è al Parlamento che il governo deve rendere conto. La regia di questo progetto deve essere in mano al governo”. E sul Mes: “Il voto di Italia Viva ci sarà se la posizione del governo resterà europeista. Precludere oggi di accedere al Mes per questioni ideologiche è dannoso non per Italia Viva, ma per il paese. E’ evidente che quei miliardi ci servono per dare una risposta ai cittadini”. La ministra Bonetti parla dell’intervista di Lilli Gruber a Maria Elena Boschi: “L’accanimento sulla vita privata delle persone è sempre fuori luogo, soprattutto se si è chiamati a commentare le scelte politiche del paese. Da cittadina che ascoltava mi aspettavo un approfondimento politico e non sul bacio tra l’onorevole e il suo compagno”.

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

Salvini scandalizzato da cancellazione ponte sullo Stretto in Recovery Plan

Prossimo Servizio

Gallera e la corsa fuori Comune: “Ero assorto nei miei pensieri”

Ultime notizie su Politica

Ci ha lasciati il nostro collega Roberto Pisani

Roberto Pisani, giornalista, collega e collaboratore del nostro quotidiano, in questo tardo pomeriggio di febbraio è volato in cielo. Pavese, padano, onestamente autonomista e federalista, ha sempre messo la sua professione al
TornaSu

Don't Miss